BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTA EDVIGE/ Santo del giorno, il 16 ottobre si celebra santa Edvige

Santa Edvige, è la santa che viene celebrata nella giornata di oggi, domenica 16 ottobre 2016, dalla chiesa cattolica. Nasce ad Andechs nel 1174, in una famiglia nobile, la sua storia

Immagine presa dal web Immagine presa dal web

Il 16 ottobre di ogni anno la chiesa cattolica festeggia santa Edvige. Santa Edvige nacque ad Andechs nel 1174, in una famiglia di nobili, la madre Agnese e il padre Bertoldo erano i marchesi della Moravia. Sin da bambina ha mostrato di avere una maturità ed una saggezza superiore, senza mai lascarsi andare alla vita mondana e alle frivolezze tipiche delle ragazzine della sua età. Affinché ricevesse un'educazione esemplare che le permettesse di fare un buon matrimonio, i suoi genitori decisero di affidarla alle monache benedettine del monastero di Kitzingen, nella bassa Franconia. Santa Edvige studiò con serietà ed impegno e, grazie agli insegnamenti delle suore, comprese il concetto di carità cristiana e imparò ad amare Dio con tutto il suo cuore. Appena sedicenne, il marchese Bertoldo diede la figlia in sposa ad Enrico, figlio di Boleslao duca di Slesia. Santa Edvige accettò di sposarsi soltanto per non disobbedire al padre ma il suo vero desiderio era quello di dedicare la sua vita al Signore. Dal matrimonio nacquero sei figli, che santa Edvige seppe allevare ed educare seguendo i principi cristiani. Il primogenito Enrico per sue sue virtù, sarà ricordato come Enrico "il Pio". Quando il duca Boleslao morì, il titolo nobiliare passò al figlio Enrico, santa Edvige diventò la duchessa di Slesia e da quel momento a corte regnò la verità e la rettitudine. Convinse il marito a costruire un monastero dedicato alle religiose dell'Ordine Cistercense e provvide personalmente alle loro necessità. Santa Edvige amava trascorrere molto del suo tempo in compagnia delle monache del convento e quando fu avanti con gli anni decise di stabilirsi nel monastero. Santa Edvige non finì mai di assistere i poveri e dimostrò sempre una grande forza d'animo; anche di fronte al dolore per la morte del marito nel 1238 e del suo primogenito qualche anno dopo, santa Edvige reagì con coraggio e rassegnazione, nella consapevolezza che tutto accade per "volontà di Dio", e senza mai versare lacrime. Non si risparmiò nei lavori più umili e accompagnava ogni sua azione con la preghiera. La vita di santa Edvige fu mortificazione e sacrificio fino all'ultimo giorno; morì il 15 ottobre, era l'anno 1243 e fu subito venerata dal popolo tedesco e slavo. Il suo corpo fu sepolto nella cappella dello stesso monastero. La sua canonizzazione avvenne nel 1264, voluta da papa Urbano IV. Tre anni dopo viene proclamata santa da Clemente IV. 

In una delle principali piazze della città di Berlino, chiamata Bebelplatz, si trova un magnifica cattedrale dedicata appunto a santa Edvige di Andechs. I lavori per la sua costruzione sono iniziati Costruita nel 1747 e sono durati circa trent'anni, a causa di modifiche più volte apportate al progetto iniziale. Nel 1943, durante il secondo conflitto mondiale, la chiesa fu distrutte da un incendio; nel 1952 iniziarono i lavori di ricostruzione che terminarono nel 1963. 

È la santa patrona della regione di Slesia, territorio appartenente alla Polonia. Il centro più importante della Slesia è Breslavia, polo economico e centro culturale della regione.

© Riproduzione Riservata.