BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GOOGLE & FACEBOOK / Evasioni milionarie? Il motore di ricerca nel mirino della Guardia di Finanza (Report, 17 ottobre 2016)

Pubblicazione:lunedì 17 ottobre 2016 - Ultimo aggiornamento:lunedì 17 ottobre 2016, 9.44

Report, alle 21.30 su Rai 3 Report, alle 21.30 su Rai 3

GOOGLE & FACEBOOK, EVASIONI MILIONARIE PER I DUE COLOSSI DEL WEB: AL VIA CONTROLLI FISCALI (REPORT, 17 OTTOBRE 2016). INTERVENTO DELLA GUARDIA DI FINANZA CONTRO IL MOTORE DI RICERCA - Il tema dell'evasione fiscale sarà affrontato stasera ad ampio raggio nel corso della trasmissione di Rai 3, Report, la quale affronterà anche la situazione che riguarda alcuni colossi del web. Non è passata inosservata, nei mesi scorsi, la notizia secondo la quale a finire nel mirino della Guardia di Finanza e della procura di Milano ci sarebbero anche alcuni colossi della rete, da Amazon a Facebook fino a Google. Lo rendeva noto lo scorso gennaio il quotidiano La Stampa in merito alla situazione fiscale relativa al celebre motore di ricerca di Mountain View al quale la Guardia di Finanza ha contestato un'evasione che oscilla tra i 227 ed i 300 milioni di euro. "Noi rispettiamo le normative fiscali in tutti i Paesi in cui operiamo. Continuiamo a lavorare con le autorità competenti", sarebbe stata la replica di Google dopo l'avvio delle dovute ispezioni della Finanza alla luce del fatturato della società in Italia pari ad oltre 2 miliardi a fronte del quale al fisco sarebbero stati versati solo 2 milioni. A finire nel vortice dell'evasione fiscale anche altri importanti nomi, come accaduto prima ancora ad Apple.

GOOGLE & FACEBOOK, EVASIONI MILIONARIE PER I DUE COLOSSI DEL WEB: AL VIA CONTROLLI FISCALI (REPORT, 17 OTTOBRE 2016) - Siamo ormai nel mondo ad alta velocità per la connessione dati e nel web, come in qualsiasi altro regno, esistono due forze quasi incontrastate. Due colossi che non solo sono presenti nella vita di milioni di persone in tutto il mondo, ma hanno un potere ineguagliabile: Google e Facebook. Il loro potere si potrebbe definire quasi illimitato, dato che i loro archivi racchiudono i dati sensibili di tutti gli utenti, dai gusti personali alle scelte per gli acquisti, fino ai dati anagrafici di tutti coloro che si conoscono. Questa sera, lunedì 17 ottobre 2016, Report e Rai 3 approfondiranno le multinazionali del web dal punto di vista fiscale. Risale, infatti, a poche settimane fa la notizia scandalo che ha colpito la Apple, un altro magnate di internet, riguardo all'evasione fiscale di 13 miliardi di euro ai danni dell'Irlanda. Ma non è la sola: Google e Facebook sono le due piattaforme a raccogliere l'85% delle campagne pubblicitarie on line ed hanno un valore di mercato di quasi mille miliardi di dollari. Eppure, proprio nei Paesi in cui registrano i profitti e si trovano le sedi legali, Google e Facebook non pagano le tasse. L'azienda di Mark Zuckerberg è finita nel mirino della Guardia Finanza in questi ultimi giorni, a causa di un buco di 1,7 milioni di dollari che non avrebbe versato nel 2010, un numero che è destinato forse a crescere. Sul capo di Facebook pende infatti un'inchiesta fiscale che risalirà anche al fatturato degli anni successivi. Anche in questo caso si parla dell'Irlanda ed il trasferimento di fondi nel Paese per approfittare delle minori tasse per le imprese. Più forte invece il peso che grava su Google, pari a 400 miliardi di euro di tasse non pagate. Nello scorso settembre, l'ufficio di riscossione tasse dell'Indonesia ha infatti ultimato una verifica su Google, ma è ancora al vaglio la multa che potrebbe essere comminata dal governo sterno. L'accusa è di aver pagato meno dello 0,1% delle tasse totali, un dato che potrebbe confermare l'evasione, avvenuta nel 2015. 



© Riproduzione Riservata.