BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VALENTINO ROSSI/ E papà Graziano, qual è il segreto di quei due?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Valentino Rossi (LaPresse)  Valentino Rossi (LaPresse)

In poche pagine e senza tanti giri di parole Graziano racconta del distacco che Valentino gli ha imposto a seguito della separazione dalla moglie Stefania, tagliandolo fuori senza scampo dalla dimensione famigliare, né più né meno come in un sorpasso in curva, dopo una staccata, di cui anche Valentino è maestro, cercando immediatamente il cordolo per chiudere ogni porta ai nuovi arrembanti assalti dell'avversario. 

Ma tra i due il feeling non è mai venuto meno. Per raccontare questo sodalizio i media parlano di complicità, dal momento che la Cultura — dominante ma dopo tutto fallimentare — a livello mondiale, non sa trovare miglior aggettivo per indicare un'amicizia interessata, operosa e produttiva. "Dopo gli 11 anni non gli ho insegnato più nulla. Ha fatto tutto da solo". Graziano parla di Valentino e della moto, ma sulla solitudine credo abbia trasmesso ben altro al figlio, perché la sua presenza è costante anche quando silente. Dopo lo scandalo fiscale del 2007, quando l'agenzia delle entrate contesta a Valentino 122 milioni di tasse evase (transate poi con 35 milioni), il prodigo Valentino torna a far riferimento al padre che per qualche tempo riveste anche la carica di Ad della società VR46, che cura gli interessi del campione e ne promuove l'immagine attraverso una rete internazionale di merchandising. 

L'idea poi "di fare da solo" non fa parte dello stile trasmesso da Graziano, che non si limita alle staccate. Valentino sa bene che anche nel Campionato mondiale piloti, rigorosamente individuale, non si vince da soli e ne ha dato una prova nel Gran Premio di Misano 2016, indossando in gara un nuovo casco con l'immagine, in versione Blues Brothers, sua e di Uccio (Alessio Salucci): l'amico di sempre, che ha lasciato il lavoro nella ditta di famiglia per fare carriera come assistente del campione: da responsabile del motorhome a gestore dello Sky Racing TeamVR46 e dell'Academy VR46, la scuola internazionale per giovani talenti voluta da Valentino. Quella con Uccio è la storia di una partnership che profuma di parabola dei talenti: "sei stato fedele nel poco, ti darò potere su molto" (Mt 25, 23), con buona pace degli puritani nostrani che sul web si scandalizzano che "un maggiordomo da motorhome possa vantare un conto corrente da industriale".

Il riconoscimento del padre da parte del figlio è, come noto, simbolicamente riassunto nella scelta di Valentino di correre con lo stesso numero 46 utilizzato da Graziano nelle competizioni. È invece meno noto che Graziano Rossi sia anche maestro elementare. "Mai insegnato però, per fortuna dell'umanità", commenta ancora ironizzando nel dialogo con l'amico e giornalista Falcioni. Un'ironia, la sua, che mentre apre ad ampie considerazioni sulla differenza tra insegnare e trasmettere, fa riflettere sullo status di una civiltà che non è in grado di comporre l'amicizia con la partnership. Sta circolando sul web una freddura di Carl Icahn, ottantenne finanziere multimiliardario, sostenitore di Donald Trump: "Se cerchi amici, ti compri un cane, non fai affari". Una frase ruvida con miliardi di fan al mondo che non credo il Dottore sottoscriva. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.