BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ Omelia di Santa Marta: Dio piange per i bambini uccisi

Pubblicazione:

Foto LaPresse  Foto LaPresse

Lo spunto è stato il passo de Vangelo nel quale Gesù definisce Erode una volpe, rivolgendosi poi alla "Gerusalemme chiusa" che uccide i profeti. Nell'omelia a Casa Santa Marta di stamattina, il papa ha spiegato che in quel punto Gesù cambia tono e comincia a parlare con "la tenerezza di Dio":  “E’ Dio Padre che piange qui nella persona di Gesù: ‘Tante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli come una chioccia i suoi pulcini sotto le ali e voi non avete voluto!’”. “Qualcuno ha detto che Dio si è fatto uomo per poter piangere, piangere quello che avevano fatto i suoi figli. Il pianto davanti alla tomba di Lazzaro è il pianto dell’amico. Questo è il pianto del Padre”. Ha quindi parlato del pianto del padre del figliol prodigo quando tutti i giorni dal terrazzo di casa guardava se il figliolo stesse tornando: "E un padre che fa questo è un padre che vive nel pianto, aspettando che il figlio torni. Questo è il pianto di Dio Padre. E con questo pianto il Padre ricrea nel suo Figlio tutta la creazione”. Un pianto che permane ancora oggi "davanti alle calamità, alle guerre che si fanno per adorare il dio denaro, a tanti innocenti uccisi dalle bombe che gettano giù gli adoratori dell’idolo denaro, anche oggi il Padre piange, anche oggi dice: ‘Gerusalemme, Gerusalemme, figlioli miei, cosa stai (state) facendo?’. E lo dice alle vittime poverette e anche ai trafficanti delle armi e a tutti quelli che vendono la vita della gente. Ci farà bene pensare che il nostro Padre Dio si è fatto uomo per poter piangere e ci farà bene pensare che nostro Padre Dio oggi piange: piange per questa umanità che non finisce di capire la pace che Lui ci offre, la pace dell’amore”.



© Riproduzione Riservata.