BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA IN AZERBAIJAN/ Al margine dei margini: Francesco e quello 0,01% di cattolici (azeri)

Pubblicazione:lunedì 3 ottobre 2016

Papa Francesco incontra lo sceicco del Caucaso Allahshukur Pashazade (LaPresse) Papa Francesco incontra lo sceicco del Caucaso Allahshukur Pashazade (LaPresse)

Ebbene questi poveretti, circondati dal mare islamico diviso tra sunniti e sciiti, sono stati visitati dal Papa perché, come gli apostoli, a volte si sono sentiti impauriti, soli e abbandonati, forse persino perseguitati e avevano un bisogno disperato di qualcuno che li incoraggi ad andare avanti a "proclamare il nome di Gesù". 

Insomma il Papa perde tempo con i cattolici dell'Azerbaijan come lo Spirito Santo lo perse soffiando nel Cenacolo. C'è qualcosa di grande e allo stesso tempo umile nella spiegazione fornita da Papa Francesco. Insieme all'amore di un Pastore che incontra il suo gregge più piccolo e lontano. Certo c'è stato anche tutto il resto, l'incontro con i vertici istituzionali, la standing ovation tra le volute di Zaha Hadid, i passi nella Moschea e il colloquio con lo Sceicco. Ci sono state le parole di pace dette al mondo e quelle consegnate a leader religiosi pieni di buona volontà. Ma quello che rimane e commuove è il "tempo perso" insieme ad un gruppetto di cristiani. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.