BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CANE ANGELO UCCISO / Confronto tra Nina Palmieri e i colpevoli, ecco le loro rivelazioni (Le Iene Show, oggi 30 ottobre 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Le Iene Show  Le Iene Show

CANE ANGELO UCCISO, NINA PALMIERI INCONTRA DUE DEI RESPONSABILI: LE LORO RIVELAZIONI (LE IENE SHOW, OGGI 30 OTTOBRE 2016) - Il primo servizio delle Iene Show è firmato Nina Palmieri, che è tornata a Sangineto per dialogare con Nicolas e Giuseppe, due degli autori del terribile gesto nei confronti del cane Angelo. Gli altri due ragazzi coinvolti nella vicenda, Luca e Francesco, hanno preferito non rilasciare dichiarazioni.  Nicolas dice di essere ancora sconvolto per l'accaduto, tanto da non riuscire a spiegare chiaramente i perchè del suo comportamento: "Ogni giorno mi alzo e penso allo sbaglio che ho fatto. La mia vita è cambiata molto. Cosa è successo quel giorno? Sono stato l'ultimo a scendere dalla macchina e il cane era già li. Abbiamo trovato una corda, io ho guardato. Mi ha fatto molta impressione vedere Angelo in quelle condizioni, non riesco a spiegarmi". E conclude: "Mi mortifica troppo parlare di questa cosa. Io ho un cane e per me è come uno di famiglia. Chiedo scusa per il dolore che ho potuto creare alle persone e ad Angelo". L'amico Giuseppe prova a ricostruire la vicenda: "Luca aveva preso il cane e decise di portarlo dietro una casa. Francesco disse che gli aveva ucciso le pecore. Era una sorta di vendetta. Perchè lo abbiamo torturato? Non lo so. Quando ha scodinzolato pensavo fosse un buon cane. Volevo fermarli, ma non ce l'ho fatta". Il servizio termina, l'amaro in bocca resta. Nadia Toffa e i suoi compagni di viaggio al rientro in studio lanciano il servizio successivo.

CANE ANGELO UCCISO, NINA PALMIERI INCONTRA DUE DEI RESPONSABILI: UNA FETTA DI SANGINETO PRENDE LE DISTANZE (LE IENE SHOW, OGGI 30 OTTOBRE 2016) - La trasmissione Le Iene Show torna anche stasera ad occuparsi del caso di Angelo, il cane seviziato ed ucciso a Sangineto, in provincia di Cosenza. Una vicenda sulla quale il programma aveva acceso i riflettori già la scorsa settimana con un servizio realizzato da Nina Palmieri, che tornerà nel tentativo di far luce sul caso. Dopo quanto accaduto nel precedente servizio, questa volta l'inviata è riuscita ad incontrare due dei quattro giovani responsabili e a confrontarsi con loro. Ciò che aveva fatto indignare non poco la scorsa settimana, era stato anche il comportamento di molti abitanti di Sangineto i quali oltre a non aver preso parte al corteo di condanna nei confronti del terribile gesto avevano anche minimizzato l'accaduto alle telecamere della trasmissione con frasi durissime: "Ma per piacere, per un ca**o di cane". Un'indifferenza che ha colpito negativamente il popolo del web, rimasto doppiamente allibito dai risvolti dell'intera vicenda. A tal proposito, nella nuova puntata de Le Iene in onda stasera l'inviata che ha realizzato il servizio sul cane Angelo ha voluto incontrare anche alcuni abitanti di Sangineto, i quali a differenza di coloro che sono stati sentiti la scorsa settimana hanno preso palesemente le distanze dal distacco dimostrato in passato. Al tempo stesso hanno sottolineato come l'intero paese sia finito alla gogna mediatica per colpa di coloro che non hanno manifestato alcuna indignazione nei confronti della vicenda e dei suoi autori. Fortunatamente, una buona fetta della comunità locale ha voluto denunciare con forza quanto di grave accaduto nelle passate settimane.

CANE ANGELO UCCISO, INDIGNAZIONE SUL WEB PER LA VICENDA CHE HA COINVOLTO SANGINETO (LE IENE SHOW, OGGI 30 OTTOBRE 2016) - La scorsa settimana ha fatto molto discutere il servizio realizzato nel corso della trasmissione Le Iene Show dall'inviata Nina Palmieri e relativo al cane Angelo ucciso. Sarebbero stati quattro i ragazzi responsabili delle brutali violenze a scapito di un cane, ucciso lo scorso giugno a Sangineto, piccolo centro in provincia di Cosenza. Una vicenda scandalosa che ha sconvolto l'Italia intera, tanto da portare alla nascita di una pagina Facebook, "L'urlo di Angelo", ideata per chiedere giustizia al cane torturato e che raduna quasi 70 mila utenti. La vicenda ha davvero dell'assurdo: quattro ventenni avrebbero legato con una corda Angelo, un docile cagnolone bianco, impiccato ad un albero e preso a bastonate. Il tutto mentre viene ripreso da una telecamera, il cui video sarà destinato a fare il giro del web e ad indignare non poco. Le sorti del cane Angelo sono terribili: l'animale è stato finito brutalmente con un colpo di pala in testa. La scorsa settimana, nel corso della trasmissione Le Iene Show, Nina ha ripercorso la clamorosa vicenda nel tentativo di incontrare i responsabili e confrontarsi sull'atroce e ingiustificato gesto. Per tale ragione si era recata a Sangineto ma per Nina era stato impossibile avvicinarsi ai quattro responsabili della morte del cane Angelo, i quali si erano rifiutati di rilasciare dichiarazioni alla trasmissione di Italia 1. Un amico dei quattro 20enne era arrivato addirittura a minacciare l'inviata de Le Iene con la medesima pala usata per finire il povero animale.

< br/>
© Riproduzione Riservata.