BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SAN MARTINO/ Santo del giorno, l'11 novembre si festeggiua San Martino di Tours: la leggenda dell'estate di San Martino

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagine presa dal web  Immagine presa dal web

SAN MARTINO: L’11 NOVEMBRE SI CELEBRA SAN MARTINO - L'11 novembre si festeggia san Martino di Tours. Nacque nell'odierna Ungheria nel 316 d.C. circa. Era figlio di un militare dell'impero romano che decise di chiamarlo Martino in onore del dio della guerra, Marte appunto. Quando il padre, da veterano, dovette lasciare l'esercito, san Martino e la sua famiglia si trasferirono a Padova dove il padre ebbe dallo stato un podere e dove il piccolo san Martino trascorse la sua infanzia. Nel 331, a causa di un editto imperiale che obbligava tutti i figli di soldati ed ex soldati a entrare nell'esercito, san Martino entrò nelle Scholae imperiali e fu trasferito ad Amiens dove si occupò con la sua squadra di ordine pubblico e protezione di personaggi importanti. Durante una ronda, nel 335 circa, avvenne l'episodio che gli cambiò la vita: l'incontro con un mendicante al quale donò tutto ciò che aveva. In un giorno autunnale molto freddo san Martino vide un mendicante che, tutto nudo, tremava per strada per il freddo e la pioggia. Subito decise di togliersi il mantello e restare a sua volta nudo per donare metà mantello a quel mendicante e l'altra metà ad un altro incontrato poco dopo. Il Cielo per ricompensarlo si aprì, la pioggia cessò e la temperatura si fece molto mite. La notte seguente, san Martino sognò Gesù che gli donava, a sua volta, il suo mantello e al risveglio ritrovò davvero accanto al letto il mantello che aveva donato al mendicante. Questo sogno fu talmente impressionante per lui che decise di farsi battezzare e di diventare cristiano. Per molti anni continuò anche ad essere un soldato ma verso i 40 decise di lasciare l'esercito e si dedicò totalmente alla fede. Fu molto attivo nella lotta contro ogni forma di eresia e di paganesimo. Divenne monaco e nel 371 gli abitanti di Tours lo acclamarono come vescovo della città, pur con il suo aspetto trasandato e gli abiti stracci. Trascorse gli ultimi anni della sua vita lavorando incessantemente per la fede: fondò monasteri, si dedicò alla conversione delle campagne, si occupò di combattere le eresie. L'8 novembre del 397 morì a Candes-Saint-Martin e fu sepolto l'11 dello stesso mese nel monastero da lui fondato a Tours dove aveva chiesto, in punto di morte, di riposare per l'eternità. 

SAN MARTINO, L’11 NOVEMBRE SI CELEBRA SAN MARTINO DI TOURS: LA LEGGENDA DELL'ESTATE DI SAN MARTINO - Nel giorno in cui si celebra San Martino c'è anche una leggenda che riguarda un'episodio della vita del santo. E' infatti questo un periodo dell'anno indicato come l'estate di San Martino: si tratta di giorni meno freddi durante l'autunno. L'estate di San Martino è legata alla leggenda del mantello del santo. Si narra che Martino di Tours, poi divenuto San Martino, nel vedere un mendicante seminudo patire il freddo durante un acquazzone, gli donò metà del suo mantello. Poco dopo incontrò un altro mendicante e gli regalò l'altra metà del mantello: subito dopo, il cielo si schiarì e la temperatura si fece più mite. Quest'episodio avvenne nel 335. La notte seguente al taglio del mantello San Martino vide in sogno Gesù rivestito della metà del suo mantello militare e gli sentì dire agli angeli: "Ecco qui Martino, il soldato romano che non è battezzato, egli mi ha vestito". Quando San Martino si risvegliò il suo mantello era integro.

SAN MARTINO SANTO DEL GIORNO: FESTE A LUI DEDICATE - San Martino è un santo molto importante nella chiesa cristiana e venerato in tutto il mondo. La cattedrale di Tours, che è a lui dedicata, è sicuramente una delle più importanti al mondo ma anche a Lucca e a Belluno sono state a lui dedicate le cattedrali delle città. Nel paesi germanici la festa di San Martino è particolarmente sentita: vengono, infatti, organizzate processione di bambini con le candele in mano che seguono il santo a cavallo mentre cantano canzoni dedicate a san Martino. Nelle zone rurali san Martino è legato anche al periodo del vino nuovo, quindi da sempre l'11 novembre è un giorno benedetto e di festa. 

SAN MARTINO SANTO DEL GIORNO: IL PROTETTORE DELL'ESERCITO - In Italia san Martino è il protettore dell'esercito e della fanteria ed è il santo patrono di oltre 300 comuni, piccoli e grandi, fra i quali Bollate e Sesto Fiorentino. Famosa, infine, è l'estate di san Martino, nome con il quale solitamente si indica un periodo dell'autunno che non è particolarmente freddo ma ricorda il clima primaverile. Questo eventuale periodo dell'anno viene così chiamato per l'antica leggenda del mantello. 

I SANTI DELL’11 NOVEMBRE - Insieme a san Martino vengono festeggiati l'11 novembre anche molti altri santi fra i quali san Teodoro, san Bartolomeo, sant'Alice, san Bertuino, san Menna e san Verano.



© Riproduzione Riservata.