BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MOSUL, ISIS / La roccaforte irachena sotto assedio: il servizio di Marco Maisano (Le Iene Show, oggi 13 novembre 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Ab Bakr al-Baghdadi (Foto: LaPresse)  Ab Bakr al-Baghdadi (Foto: LaPresse)

MOSUL ISIS, LA ROCCAFORTE IRACHENA SOTTO ASSEDIO: IL SERVIZIO DI MARCO MAISANO (LE IENE SHOW, OGGI 13 NOVEMBRE 2016) - Il primo servizio delle Iene Show è firmato Marco Maisano. Il reporter di Mediaset si è recato nella capitale dello stato Islamico in Iraq, a Mosul, dove è in corso la missione di liberazione da parte dell'esercito iracheno. Maisano raggiunge i primi quartieri liberati dalla città, ma per le strade tira un'aria inquetante. La Iena parla con alcuni ragazzi sfuggiti all'Isis: "Ci obbligavano a far crescere la barba, se non lo facevamo ci frustavano". "Chi aveva un telefono veniva impiccato - svela un uomo sui trent'anni - ho visto tanti cadaveri e sono ancora sconvolto".  Lo scenario per le strade di Mosul è raccapricciante: chiese bruciate, case travolte, ci sono macerie ovunque. I terroristi hanno lasciato traccia del loro passaggo dappertutto. Nulla è stato risparmiato dalla follia dei terroristi. "Che vita è questa?" si domanda un padre di famiglia durante un sopralluogo con Maisano nella sua casa distrutta. Il reporter di Mediaset segue da vicino i combattimenti curdi nella missione di liberazione di Bashiqa. "Non ho mai paura di morire. Per garantire una vita migliore ai nostri figli dobbiamo liberarci dell'Isis" racconta il conducente di un blindato a Maisano, mentre si procede verso l'area dell'Isis. Spari ovunque, il blindato in cui si trova Maisano viene colpito da una scheggia ma i militari sono tranquilli. L'operazione dei militari, alla fine, ha liberato la città dai terroristi e il morale tra i peshmerga è di nuovo alto. Tutto è accaduto pochi giorni fa. 

MOSUL ISIS, LA ROCCAFORTE IRACHENA SOTTO ASSEDIO: MARCO MAISANO IN PRIMA LINEA (LE IENE SHOW, OGGI 13 NOVEMBRE 2016) - Le Iene Show tornano ad occuparsi dell'Isis, l'autoproclamato Stato Islamico. Nelle scorse settimane il programma di Italia 1 ha realizzato un servizio su un campo di reclutamento dell'Isis: l'inviato Luigi Pelazza ha, infatti, intervistato alcuni ragazzi reclutati e il padre di uno di loro (clicca qui per vedere il servizio in questione). Oggi, domenica 13 dicembre, invece il mirino si sposterà su Mosul, teatro della crudeltà dell'Isis. Questa volta, però, è Marco Maisano a muoversi in prima linea: l'inviato si recherà a Mosul e farà il punto della situazione sullo scontro nella capitale dello Stato Islamico in Iraq. Incontrerà i profughi e poi si sposterà in una città cristiana vicina che è sfuggita da poco al controllo dell'Isis. Qui incontrerà alcune persone che accompagnerà all'interno delle loro abitazioni ridotte in macerie. Verrà poi raccontato quanto sta accadendo a Bashiga, città liberata dalle milizie curde.

MOSUL ISIS, LA ROCCAFORTE IRACHENA SOTTO ASSEDIO: 40 CIVILI UCCISI E APPESI AI LAMPIONI (LE IENE SHOW, OGGI 13 NOVEMBRE 2016) - Mosul, di cui si occuperà oggi Le Iene Show, è stata protagonista di un epsiodio drammatico e al tempo stesso crudele: quaranta civili considerati "traditori e agenti delle forze di sicurezza" sono stati uccisi e appesi ai pali della luce nei distretti di Mosul che sono controllati dal sedicente Stato Islamico. La notizia lanciata dalla BBC è stata confermata dalle Nazioni Unite. Mosul è, però, anche teatro di scontri: l'Isis sta provando a tenere lontana la colazione e per riuscirci sta usando diverse tattiche, dalle autobombe riempite di esplosivo ai pozzi di petrolio dati alle fiamme. Nel frattempo crescono le indiscrezioni sulla presunta fuga di Ab Bakr al-Baghdadi, che molti ritenevano ancora a Mosul. Secondo le autorità locali sarebbe riuscito a fuggire e sarebbe diretto in Siria. Il mirino de Le Iene Show, dunque, oggi si sposterà nuovamente sull'Isis: Luigi Pelazza nelle scorse settimane ha anche affrontato il delicato tema delle armi, provando a spiegare da dove provengono e, quindi, chi sono i venditori. Ne è nato un caso internazionale, perché la Bosnia ha respinto al mittente la spiegazione dell'inviato, che ha incontrato un trafficante di armi a Sarajevo. Clicca qui per vedere questo servizio de Le Iene Show sull'Isis.

< br/>
© Riproduzione Riservata.