BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

QUEL GUFO DI BILL/ Meglio la sconfitta di Hillary che di nuovo alla Casa Bianca da "maggiordomo"

Pubblicazione:

Bill Clinton con la moglie Hillary (LaPresse)  Bill Clinton con la moglie Hillary (LaPresse)

Quanto ai soldi, Bill si è sempre dato da fare per ripianare i debiti delle campagne elettorali (specie quelle fallite) di lei. Poi anche lei è andata a lavorare: come segretario di Stato di Obama, suo rivale vincente alle primarie dei democratici. Generoso, buono Obama. Ma il contratto l'ha fatto per quattro anni, la prima presidenza: per la seconda presidenza basta Hillary, ha preso Kerry. Ma anche in precedenza i due dovettero aiutarsi sul soldo, perché la presidenza Clinton finì con lo scandalo Lewinsky, cioè con parcelle astronomiche per gli avvocati. E la coppia Clinton divenne una Foundation, anzi due: due Clinton Foundation, per tirar su fondi entrambe, una per la politica, una per la beneficienza. Hillary e Bill sono uniti anche adesso nel farsi ben pagare comizi, speech e comparsate. I bene informati parlano anche di 200mila a botta.

Ma  in fondo... They have a dream. Il grande sogno dei Clinton, con i comizi milionari e due belle pensioni d'oro che se lo sa la Fornero..., è di fare i nonni. Eh sì, Bill e Hillary hanno due nipotini, uno di pochi anni e uno di pochi mesi, dati alla luce dalla trentaseienne figlia Chelsea.  La figlia ha il suo da fare e gli asili nido scarseggiano, e poi costano un occhio: vuoi mettere i nonni. I quali finalmente, senza cessare di essere una società di scopo a prova di bomba, e due dicasi due Foundation, potranno essere finalmente una vera famiglia: mononucleare (mica come la tribù liquida e multietnica del Donald) e coi suoi bei nipotini da portare al parco, con la Nikon e il cane vegano. Peccato che l'altro nonno, il consuocero, sia ricco sì ma un mezzo avanzo di galera; peccato anche, se vogliamo, che il cognome dei marmocchietti (Charlotte e Aidan) sia, per via del padre, Mezwinsky, che sembra tanto un "mezzo-lewinsky". Sarà destino? Basta non pensarci più. Ah, quanti ricordi…



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.