BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTA ELISABETTA D’UNGHERIA/ Santo del giorno, il 17 novembre si celebra santa Elisabetta d’Ungheria

Pubblicazione:

Immagine presa dal web  Immagine presa dal web

SANTA ELISABETTA D’UNGHERIA: IL 17 NOVEMBRE SI CELEBRA SANTA ELISABETTA D’UNGHERIA - Santa Elisabetta d'Ungheria nacque nel 1207 a Sárospatak dal re d'Ungheria Andrea: la principessa si distinse fin dalla giovinezza per il fatto di essere molto modesta e religiosa. Non amava le feste e i vestiti lussuosi, preferiva la solitudine e la preghiera. Per ragioni politiche, tuttavia, santa Elisabetta non venne destinata al chiostro, ma fu sposata al lagravio di Turingia Ludovico IV: per questo motivo divenne langravia di Turingia e venne chiamata anche santa Elisabetta di Turingia. Il matrimonio venne deciso quando la principessa aveva solo 4 anni e aveva il compito di suggellare l'alleanza contro l'imperatore della casa di Ungheria e di quella di Turingia. La bambina fu quindi subito alla corte di Turingia per essere allevata dalla futura suocera. In realtà Ludovico non era l'originario promesso sposo, ma succedette al fratello primogenito deceduto, ereditando diritti e fidanzata. Il matrimonio venne celebrato nel 1221 e fu tutto sommato felice, anche perché entrambi gli sposi erano molto religiosi: Ludovico era tra l'altro soprannominato Il Santo. La coppia ebbe tre figli, un maschio e due femmine: la prima sposò Enrico del Brabante, la seconda divenne badessa ad Altenberg. Dopo appena sei anni di matrimonio Ludovico IV aderì alla sesta crociata, ma morì a Otranto durante il viaggio: santa Elisabetta aveva solo vent'anni. Invece di dedicarsi alla politica e all'educazione dei figli, santa Elisabetta, che era già nota per le sue opere di carità, decise di entrare nel Terz'Ordine Francescano. Visse in assoluta povertà, diventando mendicante, dando tutta se stessa ai poveri e vivendo nell'ospedale che aveva fatto costruire a Marburgo, dove svolgeva le mansioni più umili. Qui morì il 17 novembre 1231 a 25 anni. Appena 4 anni dopo, anche a causa del clamore che la sua scelta aveva suscitato, papa Gregorio IX la fece canonizzare il giorno di Pentecoste.

SANTA ELISABETTA D’UNGHERIA, SANTO DEL GIORNO: FESTE A LEI DEDICATE - La figura di santa Elisabetta d'Ungheria è molto sentita in Germania e in Ungheria, tuttavia anche in Italia si svolgono feste a lei dedicate. All'inizio veniva ricordata il 19 novembre, tuttavia nel 1969 la data fu spostata al 17 novembre, giorno della sua morte. Tuttavia nell'area germanofona (compreso l'Alto Adige) e l'Ungheria continua a essere celebrata nella data originale. Una festa molto sentita è quella che si celebra nel santuario di San Pio di Petralcina. Infatti il santo apparteneva all'Ordine Secolare Francescano di cui santa Elisabetta è patrona ufficiale insieme a San Luigi. 

SANTA ELISABETTA D’UNGHERIA SANTO DEL GIORNO: PATRONA DEGLI INFERMIERI - Santa Elisabetta d'Ungheria è la patrona degli infermieri, dei fornai, delle società caritatevoli e ovviamente dell'Ordine Francescano Regolare e Secolare. Al tempo stesso è la patrona della regione tedesca dell'Assia: si tratta di uno degli Stati federati della Germania e conta 6 milioni di abitanti e un'estensione di oltre 21mila chilometri quadrati. Wiesbaden ne è la capitale; altre città importanti sono Kassel, Francoforte sul Meno, Offenbach e ovviamente Marburgo, la città dove la santa visse in povertà e dove morì. L'Assia si trova nella parte centro-occidentale della Germania, confinando con la Bassa Sassonia, la Renania, la Baviera e la Turingia. Il territorio è attraversato da alcune catene montuose e dai fiumi Meno e Reno: nella regione tra i due corsi d'acqua è stanziata la maggior parte della popolazione. 

I SANTI E I BEATI DEL 17 NOVEMBRE - Il giorno 17 novembre sono celebrati i vescovi San Gregorio di Tours, Sant'Aniano d'Orleans, San Gregorio Taumaturgo e San Nazario di Vienne. Inoltre sono ricordati i martiri Sant'Alfio e Zaccaleo, San Juan del Castillo e il Beato Antonio Torino. Infine è la festa anche di un'altra ungherese, la Beata Salomea, nata in Polonia, diventata per matrimonio regina d'Ungheria e infine badessa una volta vedova.

< br/>
© Riproduzione Riservata.