BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TERREMOTO E ARTE DISTRUTTA/ Ora non c'è bisogno di Renzo Piano, ma di cura e passione

Pubblicazione:

LaPresse  LaPresse

Ora si piangono queste bellezze perdute che in realtà non hanno mai goduto di molta ammirazione e attenzione. E nel fiume di retorica per pensare al futuro non resta che affidarsi al consueto guru: ed ecco il nome inossidabile di Renzo Piano che viene evocato per dare i criteri della ricostruzione. Ma il patrimonio non ha bisogno di pur autorevoli guru. Ha bisogno invece di competenze specifiche, di pazienza, di cura continua, di passione che accenda una dimensione di appartenenza. Ricostruire significa ricucire storie di comunità ferite. E per ricostruire c'è bisogno di esperti che conoscano in profondità i territori. È successo in tempi lontani a Venzone, in Friuli, ricostruita "com'era e dov'era" con un processo partecipativo che resta ancora un modello. La ricostruzione del patrimonio non è solo un restauro di pur bellissime pietre, ma è rimettere insieme un tessuto comunitario, culturale e sociale.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
02/11/2016 - La memoria dei terremoti è breve! (claudio di luzio)

Mi fa piacere quando si cita il terremoto del Friuli come esempio di ricostruzione, dove non sono intervenuti i Guru dell'architettura, né esisteva ancora la Protezione Civile. Poco tempo dopo laureato ho conosciuto infatti quelle realtà, avendo partecipato con altri colleghi al "Concorso di idee per la ricostruzione del Friuli", bandito dall'AIP associazione italiana per la prefabbricazione. Progettisti ed imprese dall'Italia e dall'estero, tutti che tenevano conto delle radici locali e della partecipazione della popolazione. Ci fu una grande mostra di progetti ad Udine ed imprese che poi realizzarono gli interventi, ma soprattutto un pazienza nella ricostruzione, da parte della gente,senza le polemiche degli appalti che sempre emergono, soprattutto dall'Aquila in poi. E ci fu il contributo finanziario privato di molte famiglie friulane emigrate all'estero ed anni ed anni per ricostruire. Oggi si vuole tutto e subito e senza un lira nelle casse dello stato.