BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MADONNA NERA DI OROPA/ Da 300 anni si ripete il miracolo del fazzoletto immacolato

Si è ripetuto al santuario di Oropa in provincia di Biella il prodigio del panno immacolato passato sul volto della Madonna Nera e del Bambino Gesù, ecco di cosa si tratta

Immagine dal web Immagine dal web

Il rettore del Santuario di Oropa non vuole parlare di miracolo: «Si verrebbero a creare sensazionalismi che non aiutano la fede e creano solo curiosità» ha detto in una intervista rilasciata al quotidiano La Stampa. Sta di fatto che anche quest'anno come succede ormai da circa trecento anni consecutivi, il fazzoletto passato sul volto della statua della Madonna Nera conservata nella chiesa piemontese è apparso del tutto immacolato o più semplicemente senza una traccia di polvere. Succede ogni anno intorno al 20 novembre ed è successo ieri, quando la statua viene tirata fuori dalla teca di vetro dove è custodita. Un panno viene passato sul volto della Madonna e su quello del Gesù Bambino che tiene in braccio e non raccoglie alcuna traccia di sporco o di polvere, come succedeva anche quando la statua non era conservata nella teca. Un altro panno invece passato sul resto della statua, le vesti, si sporca di polvere. Il rettore ha spiegato ancora alla Stampa che per loro questo è un prodigio, non un miracolo. E nel caso per la prima volta il panno si coprisse di polvere, la tradizione vuole che sarebbe di cattivo presagio. Ma in trecento anni non è mai successo, spiega. La statua risale al XIII secolo, opera di uno scultore valdostano, ma secondo la tradizione venne portata in loco nel IV secolo dopo Cristo da Sant'Eusebio mentre fuggiva dalla persecuzione ariana, statua che aveva trovata in Palestina 

© Riproduzione Riservata.