BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FIRME FALSE M5S / Palermo, Filippo Roma: altre presunte irregolarità nelle firme, Grillo chiede autosospensione (Le Iene Show, oggi 22 novembre 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Beppe Grillo (Foto: LaPresse)  Beppe Grillo (Foto: LaPresse)

FIRME FALSE M5S A PALERMO, FILIPPO ROMA TORNA SU ALTRE PRESUNTE IRREGOLARITÀ (LE IENE SHOW, OGGI 22 NOVEMBRE 2016) BEPPE GRILLO CHIEDE AUTOSOSPENSIONE - Si torna a parlare di firme false a cinque stelle su Italia 1, con il servizio di Filippo Roma che aggiorna i telespettatori su questa misteriosa vicenda. Le Iene intervistano il portiere dell'onorevole Lupo per alcune verifiche sulle firme. L'uomo dice di ricordarsi di aver depositato la sua firma, ma non riconosce la sua scrittura nelle liste depositate in comune. Anche la grafologa contattata dal reporter di Mediaset nutre forti dubbi sulla originalità di diversi nomi presenti in griglia. Filippo Roma prova a raccogliere nuove testimonianze e durante la messa in onda del servizio ricorda che il leader del Movimento Cinque Stelle, Beppe Grillo, ha chiesto agli otto iscritti indagati di autosospendersi per difendere l'immagine del movimento. Una vicenda che sembra destinata a far discutere ancora a lungo. Molto attivisti sembra non abbiano particolarmente gradito il servizio di Filippo Roma, accusando la iena di eccessivo accanimento nei confronti dei pentastellati.

FIRME FALSE M5S A PALERMO, FILIPPO ROMA TORNA SU ALTRE PRESUNTE IRREGOLARITÀ (LE IENE SHOW, OGGI 22 NOVEMBRE 2016) - Ancora firme false a Palermo per il Movimento 5 Stelle e ancora un servizio delle Iene che torna sull’infinito caso delle Amministrative 2012 nel capoluogo della Sicilia. Dopo gli otto indagati di recente avviso dalla Procura di Palermo e dopo la richiesta di Beppe Grillo di “autosospensione per chi coinvolto nel marcio delle firme false” la iena Filippo Roma questa sera ritorna ancora sul caso e con nuove scottanti novità. Già dopo i precedenti servizi de Le Iene Show, la Procura ha riaperto le indagini che erano state archiviate per assenza di prove nel 2013 e ha acquisito da Filippo Roma le mail che si scambiavano i candidati 5 Stelle dell'epoca, in particolare quelle in cui si faceva riferimento a dei problemi nella raccolta firme. L’intera vicenda riguarda il numero di 1400 firme che sarebbe irregolari, secondo l’Ansa, ma anche chi sapeva di questo fatto all’interno del Movimento siciliano: stando al comunicato appena diffuso dalla redazione de Le Iene, «Cinque deputati nazionali (On. Claudia Mannino, On. Giulia Di Vita, On. Riccardo Nuti, On. Chiara Di Benedetto, On. Loredana Lupo) hanno anche querelato le Iene per diffamazione nei loro confronti.Tra gli onorevoli che hanno sporto querela c'è Loredana Lupo, che, però, al momento non risulterebbe tra gli indagati, così come suo marito Riccardo Ricciardi, l'attivista che per i 5 Stelle ha presentato la lista e depositato le firme al Comune di Palermo nel 2012». Ma dunque, cosa è successo nella puntata che andrà in onda questa sera?

FIRME FALSE M5S A PALERMO, FILIPPO ROMA TORNA SU ALTRE PRESUNTE IRREGOLARITÀ (LE IENE SHOW, OGGI 22 NOVEMBRE 2016). IL CASO DEL PORTIERE DI CONDOMINIO - Sulle firme false M5s a Palermo, questa sera Filippo Roma mostrerà le ultime interviste fatte ad alcuni protagonisti della vicenda, per ora non legati o coinvolti da indagini: la iena ha voluto per prima cosa verificare che l’onorevole Lupo e il marito, attivista Cinque Stelle Riccardi, abbiamo firmato regolarmente. Il programma di Mediaset garantisce, dopo un controllo incrociato, che le firme dei due son assolutamente regolari e vere. Ebbene, il problema arriva però con le firme che sarebbero in mezzo nel plico elettorale presentato al comune di Roma: «Tra la firma dell'onorevole Lupo e la firma di suo marito ci sono le firme di Di Blasi Paolo e di due donne, tutti residenti nello stesso stabile dell'onorevole Lupo. Il primo, infatti, risulta essere il portiere del condominio in cui abita la deputata nazionale del M5S. Le due donne, invece, sono la moglie e la figlia dell’uomo. Filippo Roma le raggiunge quindi telefonicamente». Nel servizio si vedrà il dialogo con questi personaggi che smascherano alcune presunte irregolarità: la moglie del portiere del condominio di Lupo ammette di aver firmato quei fogli ma di averlo fatto a casa e non presso i banchetti come regolarmente avrebbero dovuto fare, e in secondo luogo addirittura il portiere nell’intervista in onda questa sera afferma di non riconoscere la propria firma. Per tutte le novità in merito e per eventuali spiegazioni in merito del M5s rimandiamo alla puntata de Le Iene di questa sera.

< br/>
© Riproduzione Riservata.