BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

COMUNISTI ED EX/ Fidel Castro, ci siamo sbagliati: nessun uomo è giusto

Pubblicazione:

Fidel Castro (1926-2016) (LaPresse)  Fidel Castro (1926-2016) (LaPresse)

Intanto negli equilibri mondiali sono avvenuti grandi cambiamenti; non si classificano più i paesi come Terzo Mondo, ogni paese ha ora più o meno delle vie indipendenti nel proprio sviluppo. La Chiesa ha accompagnato al superamento delle pure ragioni del potere economico, e dunque anche alle caratteristiche dell'imperialismo. Il comunismo ha esaurito la sua ragione nella lotta di classe, e i paesi maggiormente sviluppati non sono prima di tutto paesi capitalistici. 

Il problema della dittatura e della democrazia è ancora aperto. Basta pensare alla dittatura del Partito Comunista in Cina, oggi nuova potenza economica mondiale.

Nei sistemi fondati sulla democrazia si è giunti a un punto strano, di equilibrio che genera ingovernabilità, e della necessità di governi di coalizione fra le parti opposte della competizione democratica.  

Anche le rivoluzioni democratiche nel mondo arabo sono state disastrose, avendo dato spazio all'integralismo religioso e al terrorismo.

Tenendo conto di questi cambiamenti si potrebbe dire che la morte di Fidel Castro chiude un epoca storica, e noi siamo ora davanti alla questione di ricostruire le condizioni della democrazia. Questo ci riguarda tutti. E credo che lo faremo meglio se guardando nella storia del secolo scorso terremo conto delle lotte ideologiche e della loro appassionata ricerca della giustizia e dell'eguaglianza, lotte che non si sono mai realizzate perché l'uomo arriva anche a teorie salvifiche ma poi si piega alla logica brutale del mondo. Pensando a Fidel Castro vorrei semplicemente dire che nessun uomo è giusto.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
27/11/2016 - Titoli e tweets (Giuseppe Crippa)

Fa piacere leggere un articolo profondo ed equilibrato su questo personaggio comunque controverso, ed apprezzo molto anche la sintesi offerta dal titolo, in particolare dopo aver visto tweet come il seguente di Gianni Pittella, europarlamentare del PD: “Addio a uno dei protagonisti del '900. Seppur in un contesto non pienamente democratico, ha garantito a Cuba pace e progresso. #FidelCastro”. Un capolavoro…

 
27/11/2016 - Castro (Italo Amitrano)

Raul Castro, al termine dell'annuncio della morte del fratello Fidel, ha proclamato solennemente : "fino alla vittoria, sempre!". Fantastici, questi pentacolati : sono convinti che anche "lassù" (?) continueranno la battaglia per defenestrare (come un Fulgencio Batista qualsiasi) Dio....