BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CULLE VUOTE/ Quel "male di vivere" che ci fa preferire le Maldive

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

LaPresse  LaPresse

Non voglio essere ideologico, non sono un tifoso dell'incremento demografico a ogni costo, non mi convincono gli scenari apocalittici dipinti dai tifosi delle nascite: gli umani si sono sempre trovati di fronte a scenari imprevisti, hanno sempre trovato soluzioni inaspettate, lo faranno anche stavolta. Dio continuerà a prendersi cura di loro, che siano molti o che siano pochi. Quel che mi addolora, lo ripeto, è la tristezza, la mancanza di speranza che è la vera ragione del calo delle nascite, molto più — mi pare — di ogni fondato motivo materiale. 

Mi par di sentire anche qui l'eco del grande Péguy: "Per sperare, bimba mia [tanto da mettere al mondo un figlio, aggiungo] bisogna avere avuto una grande gioia". Ecco, di questo mi pare abbiamo bisogno per fare figli: una grande gioia. Tra poco è Natale.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
30/11/2016 - disoccupazione e basse retribuzioni. (Vincenzo Pascuzzi)

“Mia figlia aspetta il terzo” perciò non lavora attualmente. Se non vive di rendita, c’è da supporre che il coniuge o il compagno abbia una buona retribuzione (commerciante, professionista, dirigente?). Ma le coppie “normali” non sono nella condizione ipotizzata: o lavorano entrambi e allora stanno spesso fuori casa, sono senza servizi sociali pubblici (asili) disponibili, oppure privati e costosi; o lavora uno solo se non addirittura nessuno. In Italia c’è una diffusa situazione di disoccupazione e di sottoretribuzione insieme a stipendi esagerati e pensioni d’oro di chi sta - o è stato - in alto o in politica. In più un’evasione fiscale non contrastata adeguatamente di 270 miliardi/anno. Evasione equivalente a 10 milioni (10 milioni!) di retribuzioni annue da 27.000 euro. I governi non se ne occupano, quello in carica è assorbito da mesi dalla campagna elettorale. Anni fa scrissi “Scuola, lavoro, famiglia. Gli orfani di giorno” ancora reperibile in rete( v. link http://win.gildavenezia.it/docs/Archivio/2012/sett2012/orfani.htm ). Le Maldive, evocate dal titolo, costituiscono alternativa consolatoria solo per alcuni.

 
29/11/2016 - Un figlio si fa quando tutto è a posto (claudia mazzola)

Mia nipote 30 anni. Le chiedo sempre di donarci un bimbetto ma prima si è laureata, trovato il lavoro, ora la casa x convivere, ora la pizzeria del nuovo moroso e avanti... Lei non ha il male di vivere, non desidera un figlio, peccato!