BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

VECCHI PICCHIATI A PARMA/ Botte in casa di cura, l'indagine partita dalla denuncia di una 97enne (Pomeriggio 5, oggi 11 febbraio 2016)

Vecchi picchiati a Parma, testimonianze a Pomeriggio 5 delle botte in casa di cura: del caso si discute nel programma di Canale 5 condotto da Barbara D'Urso

Barbara D'Urso (Infophoto) Barbara D'Urso (Infophoto)

BOTTE IN CASA DI CURA, IL CASO DI PARMA A POMERIGGIO 5: LE TESTIMONIANZE (OGGI, 11 FEBBRAIO 2016) - Calci e pugni agli anziani. A Parma è stato scoperto un ospizio "lager", dopo la denuncia di un'anziana di 97 anni. Della vicenda si occupa Barbara D'Urso nella sua trasmissione di Canale 5 Pomeriggio 5: il programma ricostruisce le botte e le umiliazioni che gli ospiti di "Villa Alba" avrebbero ricevuto all'interno della struttura. Parla in studio l'avvocato dell'anziana che ha denunciato le responsabili della casa di cura. E viene mandato in onda anche l'audio di quello che accadeva dentro la casa di riposo: "Guarda che ho il coltello in mano e posso tagliarti quando voglio"; "Stai morendo?...vai al cimitero!". La conduttrice sottolinea che "ogni anziano pagava 1.800 euro al mese" per alloggiare nella struttura e dalle intercettazioni degli inquirenti, mostrate, in diretta, si scopre che le responsabili della casa di cura in alcuni casi hanno anche deciso di non mandare gli ospiti in ospedale per non perdere i soldi. Alla fine Barbara D'Urso rivendica la sua battaglia per far mettere le telecamere in tutte le case di cura e in tutte le scuole.

BOTTE IN CASA DI CURA, IL CASO DI PARMA A POMERIGGIO 5 (OGGI, 11 FEBBRAIO 2016) - Fa ancora discutere il caso scoperto a Parma di anziani picchiati in una casa di cura. Della vicenda si parla anche questo pomeriggio nella trasmissione di Canale 5 Pomeriggio 5 condotta da Barbara D'Urso: la presentatrice annuncia che saranno fatte sentire cinque testimoninanze eslcusive. Gli ospiti della casa famiglia Villa Alba sarebbero stati picchiati, umiliati e costretti ad assumere psicofarmaci. Le indagini sono iniziate in seguito alla denuncia presentata ad aprile da un ex ospite dell'ospizio. E ieri mattina sono stati tre gli arresti effetuati: a finire agli arresti domiciliari sono stati la titolare della struttura, insieme con la madre e la sorella, entrambe collaboratrici della casa famiglia. Secondo quanto riportato dall'Adnkronos "l'accusa per la titolare è di maltrattamento aggravato, mentre le altre due donne rispondono anche di furto aggravato, che sarebbe stato perpetrato ai danni del locale ospedale, da dove sarebbero stati sottratti strumenti sanitari".

© Riproduzione Riservata.