BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ULTIME NOTIZIE/ Oggi, ultim’ora: papa Francesco attore in un film dedicato alla famiglia, Beyond the Sun (2 febbraio 2016)

Ultime notizie di oggi, le ultim'ora del 02 febbraio 2016: Zika: OMS dichiara emergenza internazionale. Renzi contributo Turchia necessario. Sanremo: esplosione in villa, coinvolto Garko.

Le ultime notizie di oggi (InfoPhoto) Le ultime notizie di oggi (InfoPhoto)

Papa Francesco attore. La notizia è confermata da Ambi Pictures, una delle più grandi compagnie cinematografiche che sta producendo il film Beyond the sun, una storia, si legge, basata sulle avventure di una famiglia ispirata ai Vangeli. Niente paura, Bergoglio reciterà la parte di se stesso in un film in cui è molto coinvolto avendo chiesto ai produttori che sia qualcosa in grado di comunicare Gesù ai bambini. Uno dei produttori, Andrea Iervolino, ha espresso il suo ringraziamento al pontefice per il suo coinvolgimento: "Chi meglio del papa per trasmettere questo importante messaggio sociale e spirituale". E' la prima volta che un papa recita in un film, che sarà interamente girato in Italia. Il ricavato del film, come chiesto dal papa, sarà devoluto a due organizzazioni argentine che si occupano di bambini e giovani a rischio. 

Disoccupato, ex imprenditore: riceve una cartella esattoriale del valore di 100mila euro e reagisce drammaticamente. Un uomo di 51 anni si è suicidato ieri a Genova lanciandosi da un ponte in corso Europa, un volo di molti metri morendo all'istante. Era sposato con un figlio di 15 anni. La disperazione di tanti disoccupati, in questo caso un ex imprenditore, dunque continua a farsi sentire aggiungendo un nuovo suicidio alla lunga catena di gesti analoghi. Debiti che aveva contratto e che Equitalia con gli interessi ha fatto salire fino a 100mila euro: troppi, per l'uomo che ha deciso di uccidersi.

Dallo stato dello Iowa, sono cominciate le primarie che porteranno alla scelta del candidato repubblicano e democratico alle prossime elezioni presidenziali americane. E sono cominciate con la prima sorpresa: il super favorito repubblicano Donald Trump è stato sconfitto da Ted Cruz. Sorpresa ma neanche tanto pure per i democratici, dove la favoritissima Hillary Clinton ha in pratica pareggiato con il rivale Bernie Sanders. Lo Iowa è uno stato che non permette di fare valutazioni a livello nazionale, ma si è capito che la battaglia delle primarie sarà aspra e combattuta per tutti i candidati. Prossimo appuntamento il piccolo stato del New Hampshire.

Oms dichiara emergenza internazionale, l'annuncio è stato dato a Ginevra, la decisione è stata presa da un comitato di esperti. Il direttore generale Margaret Chan ha dichiarato "Gli esperti sono stati d'accordo nell'affermare che la relazione causale tra l'infezione da virus Zika in gravidanza e la microcefalia è 'fortemente sospetta', anche se non è ancora scientificamente provata. David Heymann, a capo della commissione dell'Oms ha aggiunto: "Lo Zika virus da solo non sarebbe stato definito un'emergenza perché per quanto ne sappiamo non causa condizioni cliniche gravi. E' solo per questo possibile legame con la microcefalia che abbiamo deciso di dichiararla emergenza internazionale, ma non sappiamo quanto ci vorrà per trovare il collegamento".

Il premier Matteo Renzi annuncia il via libera al contributo italiano per la Turchia sottolineando che noi non prendiamo ordini ma guidiamo l'Europa: "A questo punto noi daremo il nostro contributo alla Turchia per salvare esseri umani. E faremo ogni sforzo per salvare vite umane nel Mediterraneo: abbiamo salvato, e continueremo a farlo, migliaia di vite mentre l'Europa si girava dall'altra parte. Prima del patto di stabilità c'è un patto di umanità". All'Ue Renzi ha replicato: "Noi pensiamo che tutti i migranti siano uguali. Pensare di considerare in modo diverso le spese per salvare i bimbi eritrei mi sembra assurdo, solo una perversione burocratica. Ma noi, nonostante i professionisti della polemica provino a rilanciare ancora da Bruxelles come se ci fossero vite di serie A e di serie B non cadiamo in provocazioni".

È avvenuta questa mattina, intorno alle 9 circa, un'esplosione in Via delle Rose nella città di Sanremo. A provocare l'esplosione, probabilmente, una fuga di gas od un fornello lasciato aperto. I vigili del fuoco si trovano ancora sul luogo per ulteriori accertamento e mettere in sicurezza la zona. Purtroppo, però, la deflagrazione ha causato la morte di una donna di 76 anni, probabile la proprietaria della villetta familiare. Coinvolto nella tragedia, purtroppo, anche l'attore Gabriel Garko che soggiornava nella villetta per via dei preparativi al festival di Sanremo, ove sarà co-conduttore con Carlo Conti. Per Gabriel Garko, fortunatamente, nulla di grave: escoriazioni piuttosto evidenti, una leggera intossicazione e tanta paura. Poiché è stato trovato in stato di shock, l'attore è stato subito trasportato al pronto soccorso. Qui è stato medicato e tenuto sotto osservazione. Gabriel Garko è stato dimesso dall'ospedale in tarda mattinata, con una prognosi di 10 giorni.

Era una donna di 52 anni l'incubo di molti bambini, tra i 3 ed i 5 anni, di un asilo di Modena. A far scattare le indagini sono stata i genitori di molto bambini, preoccupati dalla stato d'animo dei piccoli che si rifiutavano di andare a scuola.  Gli inquirenti hanno raccolto le prove del comportamento poco appropriato della maestra, che durante l'orario scolastico insultava i propri alunni, li derideva, li strattonava e, nei casi peggiori, li picchiava.  È stato provato l'abitudinarietà della donna nel ripetere questo comportamento, che veniva rivolto a tutti i bambini, indistintamente femmine e maschi.  Queste reazioni, purtroppo, sorgevano senza alcuna ragione, anche in condizioni apparentemente normali come nel caso in cui un bambino chiedeva di andare in bagno.

La tragedia si è consumata ieri, nelle tarde ore del pomeriggio. Una donna, di 50 anni, di origine polacca e sposata con un uomo italiano, è stata travolta da una minicar mentre camminava sul marciapiede con la figlia di 10 anni. L'impatto è stato violentissimo e le condizioni delle vittime sono apparse subito gravissime.  Per la donna era stato disposto il trasferimento in elicottero presso l'ospedale di Firenze, ma é morta durante il tragitto. Per la piccola, invece, nonostante le pratiche di rianimazione non c'è stato niente da fare.  Alla guida della minicar un uomo di nazionalità romena, trovato con un tasso alcolico 4 volte superiore al consentito.  Sul posto è subito accorso anche il padre e marito delle vittime, che ha subito un malore. Il rumeno è stato arrestato con l'accusa di omicidio colposo aggravato.

Al culmine di una lite coniugale, un uomo ha dato fuoco alla compagna incinta, Carla Caiazzo. Poi si è dato alla fuga. La donna è stata trasferita nel reparto grandi ustionati del Cardarelli di Napoli e qui i medici hanno deciso di farla partorire in anticipo. Carla era alla trentaquattresima settimana di gestazione, e quindi il parto prematuro non presentava grossi rischi. La bambina, sebbene prematura, sta bene. La donna, invece, si trova ancora ricoverata in prognosi riservata con ustioni nel 40% del corpo. L’uomo arrestato dopo una fuga di poche ore. La 38enne, soccorsa dai vicini di casa, è ricoverata in gravi condizioni con ustioni sul 40 per cento del corpo.

© Riproduzione Riservata.