BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ILARIA BOEMI / News: arrestati altri due uomini, anche loro coinvolti nella morte della 16enne (Oggi, 23 febbraio 2016)

Pubblicazione:martedì 23 febbraio 2016

Ilaria Boemi Ilaria Boemi

ILARIA BOEMI, LA 16ENNE MORTA DOPO AVER ASSUNTO DROGA: ARRESTATI DUE UOMINI, CHIARITO COSA ACCADDE IL 10 AGOSTO (NEWS, OGGI 23 FEBBRAIO 2016) - Dopo oltre sei mesi dalla morte di Ilaria Boemi, la sedicenne di Messina ritrovata senza vita dopo aver assunto una dose di droga sintetica, il caso ha subito oggi una importante svolta. Due uomini sono finiti in manette: si tratterebbe di un 31enne ed un 40enne, entrambi legati alla morte di Ilaria Boemi. Nello specifico, come riporta oggi Il Fatto Quotidiano, il primo sarebbe un noto spacciatore della cittadina siciliana e proprio lui avrebbe venduto la droga alla giovane vittima, mentre il secondo sarebbe accusato di violenza sessuale a scapito di alcune amiche di Ilaria, dopo aver fatto assumere loro sostanze stupefacenti. Negli ultimi mesi le indagini sono proseguite senza interruzione chiarendo ulteriormente le dinamiche della morte della ragazza ma anche tutto il mondo che ruotava attorno allo spaccio di droghe sintetiche destinate a minori. Oltre ai due uomini arrestati, qualche mese fa si erano aperte le porte del carcere per tre ragazze, due delle quali minorenni, accusate di aver portato la droga ad Ilaria Boemi. Con i due arresti di oggi si completa il tragico quadro di quanto avvenne la sera del 10 agosto scorso. Prima di trovare la morte sulla spiaggia del "Ringo", Ilaria aveva contatto via sms lo spacciatore per l'acquisto di Mdma, ritirata il giorno seguente. Insieme ad un'amica minorenne e ad un uomo 39enne avevano fatto uso di droga fino al malore della sedicenne. Nel tentativo di riprendersi Ilaria si era fatta accompagnare dai due sulla spiaggia dove poi fu ritrovata senza vita da un vigilantes e qui l'uomo avrebbe provato ad abusare di entrambe le ragazze prima di rivolgere la sua attenzione ad un'altra giovane. Solo in seguito si sarebbero accorti dello stato di salute di Ilaria, ormai in preda alle convulsioni e avrebbero deciso di allontanarsi senza chiamare i soccorsi, non prima di aver gettato in mare il cellulare, contenente la possibile prova dello scambio di messaggi con lo spacciatore.



© Riproduzione Riservata.