BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GENITORI GAY/ La pediatria politicamente scorretta, bambini come cavie

Pubblicazione:

Immagine di archivio  Immagine di archivio

Quando ero ragazzo, frequentavo una scuola elementare alla periferia di Milano. La tradizione cattolica era ancora viva e anche gli operai comunisti mandavano i figli all’oratorio. La domenica pomeriggio si giocava, si andava al catechismo e poi tutti a vedere il film nel salone parrocchiale.

Eravamo tanti. E c’era sempre qualcuno grasso, o balbuziente, o vestito male perché più povero degli altri. Insomma, c’era sempre qualcuno da prendere in giro, tutti incuranti che il poveretto ci restasse male. Anzi: ci sembrava la prova di aver colto nel segno e un motivo in più per insistere. Invano maestra e parroco si affannavano a difendere quelli presi di mira, che finivano con l’isolarsi quando non venivano isolati.

Ora i quartieri sono meno popolosi, le radici cattoliche sono un vago ricordo, nessuno va al cinema dell’oratorio. Le scuole pubbliche hanno metodi didattici più moderni di allora, insegnanti di sostegno e, all’occorrenza, l’aiuto dello psicologo.

Non c’è più la classe che prende in giro il ragazzo ciccione. C’è il bullismo del branco di adolescenti che perseguita il compagno o la compagna via internet. Anche con messaggini osceni e scatti scabrosi col telefonino, con conseguenze a volte tragiche. In questo siamo già al passo con il resto della civilissima Europa. Quella che ha rinunciato esplicitamente alle sue origini cristiane e che ci invita oggi ad adeguarci su coppie gay e legislazione annessa.

E l’adolescente di domani, quello con due mamme o due papà, lascerà indifferente i bulli di turno? Non sarà condannato ad una vita, lui sì, da diverso? Incolpevole, certo, ma oggettivamente diverso dalla maggioranza dei coetanei che conoscono la loro origine, il loro padre e la loro madre, anche quando i genitori hanno divorziato. Diverso, perché a casa i suoi amici trovano la nuova compagna di papà o il nuovo compagno di mamma. Vallo a spiegare al branco che non bisogna discriminare fra i sessi. È dai tempi del libro Cuore – centotrent’anni fa! – che si insiste (a parole) con la difesa delle minoranze e dei più deboli. La figura di Garrone, il personaggio di Cuore che difendeva i compagni da prepotenze e sfottò, non ha fatto proseliti. Anzi, col tempo sembra che Garrone – il più forte e robusto - sia passato a trascinare i bulli.

Oggi basta non essere al passo con la moda di scarpe o di felpa per essere preso di mira dai compagni. E non ci sono solo quelli, nella vita.

Ma basta col terrorismo psicologico, penserà qualcuno. In fondo, non c’è evidenza scientifica che chi cresce con due papà o due mamme avrà da grande problemi particolari.

Ecco, questo è il punto. Non ci sono evidenze scientifiche perché non ce ne possono essere.  I bambini che oggi vivono in casa di una coppia monogenere sono in Italia circa cinquecento. E di adolescenti ce ne sono? Quanti? Fra una decina d’anni si potranno fare studi seri su un numero di casi adeguato. Per ora non c’è evidenza scientifica perché i casi studiati nel mondo – relativamente pochi - si prestano a valutazioni errate o a manipolazioni di ogni tipo.

E allora? Come procedere? Da cattolico indietro coi tempi o da progressista ansioso di mettersi al passo con i paesi cosiddetti civili? C’è un metodo che va bene per tutti: teorizzare di meno e osservare la realtà che si svolge nel tempo. Occorre guardare la vita che cambia e tenere a mente gli esiti passati. Diceva il premio Nobel Alexis Carrel: “Molti ragionamenti e poche osservazioni portano all’errore. Pochi ragionamenti e molte osservazioni portano alla verità”.



  PAG. SUCC. >