BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SAN SERGIO/ Santo del giorno, il 24 febbraio si celebra san Sergio

San Sergio è il santo che viene celebrato nella giornata di oggi, mercoledì 24 febbraio, dalla chiesa cattolica. Visse tra il terzo e quarto secolo Dopo Cristo. La sua storia

(InfoPhoto)(InfoPhoto)

San Sergio, prima di essere santificato, era un uomo che visse tra il terzo e quarto secolo Dopo Cristo, ovvero durante il periodo di massima espansione e dominio dell'Impero Romano. Nato in una famiglia modesta, san Sergio di Cesare ebbe l'opportunità di studiare le leggi del periodo e di distinguersi per il suo grande livello di cultura, il quale metteva in imbarazzo gli altri giovani studiosi. Egli voleva infatti divenire un magistrato ed amministrare la legge nella giusta maniera: secondo lui infatti, le persecuzione ed alcune decisioni, che vennero prese dai diversi governatori del periodo, erano tutt'altro che sagge. Per questo motivo, visto anche il suo impegno negli studi ed il suo modo di fare, san Sergio divenne uno dei magistrati maggiormente importanti durante il periodo dell'impero di Diocleziano. Egli però aveva anche maturato una profonda e chiara idea sulla religione: avere tante divinità non era saggio e soprattutto riteneva che, a governare la religione, fosse un solo Dio, ovvero il padre del Signore. Questa sua teoria non veniva vista di buon occhio da parte degli altri magistrati, che iniziarono a vedere di cattivo occhio il modo di fare di san Sergio, etichettato come un cristiano rivoluzionario e fonte di futuri problemi. Essendoci delle persecuzioni nei confronti dei cristiani durante quel periodo, le quali potevano anche vedere protagoniste figure potenti come i magistrati, san Sergio decide di evitare di rischiare la vita e abbandonò il ruolo di magistrato. Per sfuggire alle guardie, egli decise di ritirarsi nelle zone confinanti all'impero Romano, in quanto ciò che accadeva al di fuori delle mura imperiali non rientrava nelle competenze dell'imperatore e delle sue guardie. Da questo momento in poi, di san Sergio di Cesarea si perdono completamente le tracce, ma vi sono alcune leggende che narrano che l'ex magistrato cercò di convertire la popolazione che viveva fuori dalle mura dell'impero, nelle zone appunto confinanti. Riuscendo solo parzialmente nel suo intento, san Sergio decise di vivere una vita solitaria, eremitica, rimanendo isolato e dedicandosi interamente alla preghiera. Passarono gli anni e all'interno dell'impero Romano accadevano due fatti importanti: il primo consisteva nel fatto che le persecuzioni, nei confronti dei cristiani, divennero maggiormente accese, mentre il secondo nel fatto che, le leggi in vigore, non subirono alcun tipo di cambiamento. San Sergio, che rimase in disparte per tanti anni, decise di tornare, nel territorio imperiale, durante la celebrazione del culto di Giove. Il governato dell'Armenia e della Cappadocia, ovvero Sapricio, era una delle figure maggiormente contraria alla diffusione del culto del cristianesimo e fece in modo che, coloro che si professarono cristiani, adorassero Giove. Secondo quanto venne raccontato, la presenza di san Sergio fece spegnere tutte le varie fiaccole in onore della divinità e questo fece adirare il governatore, che temeva che Giove fosse arrabbiato con loro. San Sergio cercò di spiegare che la divinità era una sola e che solo essa doveva essere adorata, ma le sue parole non vennero assolutamente ascoltate: Sapricio lo fece arrestare, martirizzare e giustiziare, dando esempio della punizione che veniva adottata nei confronti di coloro che professavano a gran voce il cristianesimo. La morte avvenne nel 303 dopo Cristo.