BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SPOSA A SUA INSAPUTA / Va in Comune a chiedere un certificato, si ritrova sposata senza saperlo (Striscia la Notizia, 24 febbraio 2016)

Sposa a sua insaputa, servizio di Striscia la Notizia, aggiornamento di oggi, mercoledì 24 febbraio 2016. Patrizia chiede un certificato in comune e scopre di essere sposata senza saperlo. 

Striscia la Notizia, infophotoStriscia la Notizia, infophoto

Che il matrimonio sia una sorpresa per molti non ci sono dubbi, ma c'è anche chi non trova gradita la novità. E' il caso di Patrizia, una giovane donna che ha scoperto per caso di essere sposata a sua insaputa con un cittadino straniero di nome Hussein. E' questa la denuncia di Striscia la Notizia che si è interessata del caso in collaborazione con l'inviato Luca Abete. Patrizia riferisce di essersi recata alla Quarta Municipalità di Napoli per richiedere un semplice stato di famiglia e di essersi ritrovata di fronte ad un'amara realtà. Come ci mostra il filmato, sul certificato della donna compare "coniugata con Hussein". Ormai gli appuntamenti al buio sono all'ordine del giorno, ma non ci si poteva aspettare che anche i matrimoni si svolgessero con tale modalità. Soprattutto senza che uno dei due sposi sappia nulla. "Mi dissero che il matrimonio era stato celebrato regolarmente il 17 luglio 2015". Questa è la risposta che Patrizia ha ricevuto quando ha chiesto spiegazioni e, continua, "in presenza di due testimoni, l'interprete e di entrambi gli sposi". I dati identificativi della sposa corrispondono a quelli di Patrizia, ma la foto è di un'altra donna. Patrizia ha sporto denuncia consegnando alle autorità tutti i documenti, rimanendo alla fine senza nulla in mano. E non sarebbe finita qui, perché Patrizia scopre un'altra sorpresa: "non solo la signora in questione si è divertita a sposarsi al posto mio, ma ha anche effettuato contratti con gestori telefonici senza onorarli". E quindi ora le aziende telefoniche vogliono i soldi da Patrizia. L'inviato Luca Abete ha fatto una piccola ricerca su internet e ha subito notato che i matrimoni fittizi sono sistemi molto usati in molte parti d'Italia. E' un modus operandi che potrebbe garantire l'accesso alla cittadinanza italiana anche a persone pericolose, come nel caso di terroristi. L'inviato ha voluto vederci chiaro e ha chiesto spiegazioni a Giuliana Visciola, Direttore Quarta Municipalità della città di Napoli, che ha riferito che "queste due persone si sono presentate con documenti che sembravano veri". La direttrice riferisce inoltre che non era possibile accorgersi della truffa poco prima del matrimonio, perché la carta di identità presentata è regolare con l'unica differenza che la foto appartiene ad un'altra persona. Clicca qui per vedere il servizio di Striscia la Notizia sui Sposa a sua insaputa

© Riproduzione Riservata.