BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ISTAT/ Sempre meno italiani vanno in chiesa: solo il 29%. La Liguria la regione più "atea"

I nuovi dati dell'Istat denunciano il crollo delle persone che vanno in chiesa almeno una volta alla settimana, la Liguria la regione italiana con meno religiosità, ecco di cosa si tratta

Immagine di archivioImmagine di archivio

I dati resi noti dall'Istat a proposito della pratica religiosa nel nostro paese denunciano un calo costante di coloro che frequentano i luoghi di culto. Sempre meno persone vanno in chiesa: dal 33,4% del 2006, una persona su tre, si è passati oggi al 29%. Coloro che invece che dichiaravano di non frequentare alcun luogo di culto sono oggi il 21,4% contro il 17,2, una persona ogni cinque. Secondo gli analisti i dati sarebbero anche peggio, perché tra coloro che frequentano le chiese sono inclusi anche i bambini tra i 6 e i 13 anni, che nel 2015 erano il 51,9%, dati che porterebbero ad innalzare la quota totale. La fascia di età che meno frequenta le chiese sono i giovani fra il 20 e i 24 anni, ma stranamente è emerso un dato nuovo. Nel 2015 la fascia di età che più si è innalzata è quella tra i 55 e i 59 anni, il 30% in meno. Dal punto di vista regionale invece la Sicilia è la regione con il più alto numero di persone che vanno ancora in chiesa, il 37%, mentre la Liguria è quella dove meno persone ci vanno: solo il 18,9%.

© Riproduzione Riservata.