BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

LUCA VARANI / News, accusato per aggressione con acido a Lucia Annibali: la sua intervista non piace, la Procura interviene (Oggi, 5 febbraio 2016)

Luca Varani, accusato di aver ordinato l'aggressione con l'acido contro Lucia Annibali, i telespettatori non perdonano le parole della sua intervista a Storie Maledette, 5 febbraio 2016.

Luca Varani e Lucia AnnibaliLuca Varani e Lucia Annibali

A non assistere all'intervista di Luca Varani, il mandante dell'aggressione con l'acido che sfregiò il viso dell'ex fidanzata Lucia Annibali, non è stata solo la vera vittima di tutta la vicenda, ma anche il procuratore di Pesaro, Manfredi Palumbo. All'indomani dalla messa in onda della trasmissione "Storie Maledette" che ha accolto le dichiarazioni di Varani, è insorto non solo il popolo del web (che nel corso della serata si è espresso con Tweet di sdegno alle parole dell'uomo) ma anche la Procura di Pesaro, che sin dall'inizio si era detta contraria alla messa in onda dell'intervista. "Si è consentito all’imputato di fare un processo alla vittima", ha dichiarato oggi all'Ansa il procuratore di Pesaro. "Un imputato non ancora sottoposto a giudizio definitivo può rendere dichiarazioni, ma al direttore del carcere, non alla Rai", ha aggiunto, rivelando come da questa mattina sia invaso da "decine di messaggi di persone indignate, direi disgustate" dalle parole di Luca Varani. Nel corso dell'intervista, l'avvocato pesarese ha negato non solo il tentativo di uccidere Lucia Annibali manomettendo l'impianto del gas ma anche le numerose minacce via sms. Ha invece ammesso di aver ingaggiato i due uomini albanesi con l'intento solo di "fare un dispetto" all'auto della donna, nuova di zecca.

La domanda che ora resta, dopo l’intervista a Luca Varani nella trasmissione Storie Maledette ieri sera, è come e se cambierà il processo che ancora pende sul mandante dell’aggressione con l’acido a Lucia Annibali, la sua ex compagna che venne aggredita da due esecutori albanesi mandati dal giovane avvocato. Tra le domande sapienti come sempre della Leosini, Varani ha raccontato come si senta terribilmente in colpa per aver tutta la responsabilità dell’accaduto ma allo stesso tempo afferma la sua versione dei fatti: «Sono pronto a pagare, quello che è successo al volto di Lucia è colpa mia. Ma non volevo ucciderla, li ho ingaggiati per farle un dispetto alla macchina nuova che aveva comprato. Poi però il progetto iniziale è deviato: ho capito che loro avrebbero fatto questa cosa e non li ho fermati, questa è la mia responsabilità. Spero possa perdonarmi prima o poi». Ora qualcosa cambierà rispetto al terzo grado di giudizio a cui sarà sottoposto a maggior Luca Varani? La Corte di Cassazione verrà influenzata da queste parole?

Non è ancora stata dimenticata la vicenda che ha visto come protagonista, tragico, Luca Varani. L'uomo si trova ora in carcere, condannato a 20 anni per aver ordinato l'aggressione con acido ai danni di Lucia Annibali, avvocato di Urbino con cui aveva avuto una relazione. Luca Varani, dopo anni di silenzi e rifiuti di parlare da quel 2013, anche durante i processi e gli interrogatori, ha invece voluto rispondere alle domande di Franca Leosini, accettando che la sua intervista fosse trasmessa nel programma Storie Maledette. Una vicenda che l'Italia non ha messo da parte e contro cui ha reagito quando si è diffusa la notizia che Luca Varani,  avrebbe avuto la possibilità di esprimere il suo punto di vista in televisione. Nonostante il divieto della Procura di Pesaro, la conduttrice ha voluto ugualmente andare in onda ed i telespettatori che da molto tempo la stimano e la seguono, hanno apprezzato il suo gesto. "Nessuno deve sapere come le Procure raggirano la Giustizia!" Anche per Luca Varani,  ci sono solo parole di sdegno, per aver compiuto quello che la pubblica opinione definisce come un "atto riprovevole". Soprattutto, non il pubblico non si capacita come mai nessuno sia riuscito ad evitare che si compisse un crimine così atroce. "Il tecnico che non le dice che l'impianto del gas e' stato manomesso, lo psicologo che, via Skype, invece di suggerirle la strategia del "no contact" che è l'unica per liberarsi di un narcisista, le dice di incontrarlo una volta alla settimana e fare l'amante. E i Carabinieri che, pur avendo saputo in anticipo le intenzioni del malvivente e anche se lo stavano tenendo sotto controllo, non sono riusciti a prevenire la tragedia". Intanto Luca Varani sta attendendo l'esito del processo alla Cassazione e si dichiara pronto, durante l'intervista della Leosini, a chiedere scusa a Lucia Annibali per averla sfregiata. Un'azione, l'ennesima, che i telespettatori non digeriscono e che non esitano a condannare. "La frase finale è stata infelice, altro segno del suo egocentrismo. Vergognati ogni secondo della tua vita!"

© Riproduzione Riservata.