BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Sant’Agata / Santo del giorno oggi 5 febbraio: rinviata per pioggia la Fiera in Liguria, si celebra la festa di Sant’Agata

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

(InfoPhoto)  (InfoPhoto)

SANT’AGATA, SANTO DEL GIORNO: IL 5 FEBBRAIO SI CELEBRA SANT’AGATA MA RINVIATA PER PIOGGIA LA FIERA IN LIGURIA NEL WEEKEND - Oggi in tutta Italia si celebra la festa di Sant’Agata, il santo del giorno che presenta una giornata di sole in quasi tutta Italia: ma questo non durerà per il weekend al nord, perciò la grande festa attesa a Genova per la Fiera di Sant’Agata in programma domenica 7 febbraio, è stata rinviata per motivi di forte piogge previste. La si celebrerà domenica prossima, 14 febbraio (giorno di San Valentino), chiedendo al grande santo patrono dell’amore di “far posto” alla Fiera di Sant’Agata. Lo ha comunicato oggi il Comune di Genova, nonostante si veda oggi sole splendido tutta la regione: la località della grande festa tradizionale, sarà sempre nel medesimo luogo previsto per questa domenica, ovvero il quartiere di San Fruttuoso. È evidente che essendo tutta all’aperto, il comune di Palazzo Tursi ha preferito spostare l’evento per permette al meglio i festeggiamenti di una santa molto particolare e sempre ricordata in Liguria.

SANT’AGATA, SANTO DEL GIORNO: IL 5 FEBBRAIO SI CELEBRA SANT’AGATA - Il 5 febbraio la Chiesa festeggia Sant'Agata protettrice delle donne, in particolare invocata da tutte coloro che hanno problemi al seno o che non riescono ad avviare l'allattamento. Inoltre, è implorata contro gli incendi e le eruzioni vulcaniche. La sua è una storia di fede iniziata fin da giovane quando nacque a Catania intorno al III secolo. La ragazza apparteneva a una nobile e ricca famiglia catanese che seguiva da tempo la fede cristiana e lei, innamorata di Cristo, decise di consacrasi a soli 15 anni. A caratterizzare la sua introduzione agli ordini, il vescovo della città le pose sul capo un velo rosso, il 'Flemmeum', che ancora oggi si conserva nel Duomo di Catania e viene considerato come simbolo di protezione, soprattutto nei periodi di eruzione dell'Etna. Il martirio della giovane iniziò quando il proconsole Quinziano se ne innamorò, per lei aveva totalmente perso la ragione, ma quando Sant’Agata declinò le sue avance iniziarono torture e persecuzioni. Durante il periodo di prigionia, all'ennesimo rifiuto, l'uomo le fece strappare i seni con delle tenaglie, ma nella notte San Pietro le apparve in una visione curando le sue ferite. Neanche questo miracolo fermò il persecutore che la volle bruciare viva. Durante quest'esecuzione la leggenda narra che il velo rimase intatto e che un forte terremoto fermò la brutale condanna, ma la Santa morì poco dopo, per le grandi ustioni sul corpo, nella sua cella. 

SANT’AGATA, SANTO DEL GIORNO: LA PROTETTRICE DI CATANIA - Sant'Agata è anche il punto di riferimento per i fonditori di campane ed è patrona di molti comuni come Gallipoli, Martinengo, Ornago, Sant'Agata Bolognese, Sant'Agata Feltria, Sant'Agata Irpina, Trescore Cremasco, ma anche di San Marino e Malta. In particolare è la protettrice di Catania, la sua città natale, dove nel Duomo si conservano le sue reliquie in un busto d'argento che viene portato in processione durante la festa in suo onore. Infatti, ogni anno dal 3 al 5 febbraio la città si riempie di luci e suoni, di turisti e fedeli, che accorrono in massa a salutare la loro patrona con riti che da secoli si ripetono nella cittadina siciliana. La Santaituzza, come la chiamano i catanesi, viene accompagnata per le vie del centro preceduta da 12 candelore, che rappresentano le corporazioni di arte e mestieri di Catania, queste sono delle sculture di legno su cui sono incisi gli eventi più importanti della vita della consacrata. Mentre il busto della Santa viene portato su un fercolo, ovvero una macchina trainata da due funi tirate dai cittadini vestiti con un 'saccu', un saio bianco con una papalina nera, mentre le persone accorse a vedere la festa la salutano sventolando fazzoletti bianchi.


  PAG. SUCC. >