BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CARLA CAIAZZO/ News, la donna bruciata viva al centro della polemica tra la senatrice Ricchiuti (Pd) e Giovanardi (Ultime News, oggi 9 febbraio 2016)

Dopo il caso di violenza a scapito di Carla Caiazzo, la donna incinta all'ottavo mese bruciata viva dal compagno, nuove aggressioni hanno riguardato altre due donne nel Napoletano.

Violenza sulle donne Violenza sulle donne

CARLA CAIAZZO NEWS, DOPO IL CASO DI VIOLENZA ALLA DONNA BRUCIATA SI ACCENDE LA POLEMICA TRA LA SENATRICE RICCHIUTI (PD) E GIOVANARDI (NEWS, OGGI 9 FEBBRAIO 2016) -Il caso di Carla Caiazzo, la donna all'ottavo mese di gravidanza bruciata viva dal compagno è stato oggetto di discussione addirittura del Parlamento. A darne nota è "L'occidentale", che riportando i verbali degli interventi in Senato dello scorso 4 febbraio, spiega come la vicenza della puteolana sia stata utilizzata dalla senatrice del Pd Lucrezia Ricchiuti in tema di unioni civili. Questo l'intervento della democratica:"Desidero mandare da questo Senato un messaggio di speranza, di vicinanza e di solidarietà a Carla Caiazzo di Napoli, che lotta fra la vita e la morte per essere stata bruciata viva dal suo partner. Sì signora Presidente, Carla e Paolo erano una coppia eterosessuale, che per dirla con l’irrepetibile frase pronunciata al Family Day avevano procreato. Hanno procreato Giulia Pia nata prematura, perché la mamma è stata bruciata dal papà. On. Sacconi è questa la famiglia tradizionale per cui lei è sceso in piazza? On, Giovanardi è questa la famiglia tradizionale per cui lei è sceso in piazza? Sen. Quagliariello è questa la famiglia tradizionale per cui lei è sceso in piazza? Sinceramente mi vergogno per voi, non vi ho mai visti in piazza per tutti i femminicidi di questi anni ad opera di tradizionalissimi e mariti e compagni eterosessuali". Ovviamente la risposta di Carlo Giovanardi non si è fatta attendere:"Io sono intervenuto decine di volte contro il femminicidio – si vergogni lei sen. Ricchiuti!". Ma ci domandiamo: era davvero il caso di tirare in ballo Carla Caiazzo?

CARLA CAIAZZO NEWS, DOPO IL CASO DI VIOLENZA ALLA DONNA BRUCIATA VIVA, ALTRE DUE AGGRESSIONI SEMPRE NEL NAPOLETANO A SCAPITO DI ALTRE DUE GIOVANI DONNE (NEWS, OGGI 9 FEBBRAIO 2016) - Il caso di violenza inaudita ai danni della giovane neo mamma, Carla Caiazzo, incinta all'ottavo mese e bruciata viva dal compagno, ha fatto indignare l'Italia intera. Mentre Carla Caiazzo continua a lottare a causa delle gravi ustioni riportate, la bambina, sebbene sia nata prematuramente, sembrerebbe godere di ottima salute. Nei giorni scorsi, anche il mondo dello sport è sceso in campo per manifestare ampia solidarietà a Carla Caiazzo. In vista della sfida di campionato di pallanuoto femminile che si è svolta la scorsa domenica a Monterusciello, la squadra dello Sporting Club Flegreo ha espresso la vicinanza alla donna, ennesima vittima di violenze, scendendo in acqua ed indossando un nastrino di colore rosa alla spallina del costume. Un segnale importante che giunge dal mondo dello sport schierato contro ogni forma di violenza sulle donne. Ed a proposito di casi di violenze, sempre nel Napoletano dopo quello di Carla Caiazzo se ne sono registrati altri due, gravissimi, ai danni di altrettante donne. La prima vittima di aggressione da parte del compagno è stata una donna ucraina, aggredita in strada, in piazza Cavour a Napoli lo scorso 2 febbraio. Trasportata anche lei al Cardarelli, medesimo ospedale che ospita Carla Caiazzo, la ragazza è stata medicata e poi dimessa con una prognosi di 20 giorni. Sebbene abbia riportato la rottura del naso e vari traumi, la donna avrebbe deciso di non denunciare il compagno. La stessa piazza napoletana è stata il teatro di una ulteriore violenza a scapito di una donna che ha riportato varie contusioni con la conseguente denuncia allo stalker nonché suo ex compagno.

© Riproduzione Riservata.