BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LADRO UCCISO/ Condanna al risarcimento per il tabaccaio, il commento del vescovo di Chioggia

Non è piaciuta al vescovo di Chioggia la sentenza che condanna un tabaccaio che per difesa durante una rapina uccise il ladro, codnannato a risarcire 325mila euro

Immagine di archivio Immagine di archivio

Sono parole precise quelle che monsignor Tessarollo ha rilasciato dopo la notizia che il tabaccaio che aveva ucciso un ladro in un tentativo di rapina, è stato condannato a pagare un risarcimento alla famiglia del rapinatore pari a 325mila euro (oltre una condanna 2 anni e otto mesi). Il vescovo di Chioggia, commentando la sentenza ("Mi permetta un'ironia, signora giudice: quello che non era riuscito forse a rubare il ladro da vivo, glielo ha dato il giudice, completando il furto. Un bel vitalizio ottenuto per i suoi familiari"), ha detto che la sanzione è pari a mille euro al mese per i prossimi 27 anni, in pratica un vitalizio, una somma, ha aggiunto, che potrebbe mettere in ginocchio e destabilizzare la famiglia del derubato. "Un padre di famiglia, un imprenditore, un lavoratore, che sta a casa sua, lavorando o dormendo, ha diritto di non veder violata la sua casa, compromessa la sua attività, derubati i suoi beni, minacciata la quiete e tranquillità sua e dei suoi familiari" ha scritto sul settimanale diocesano, aggiungendo che la legge non deve trasmettere messaggi che possono sembrare un incoraggiamento a "violenti, scassinatori e  ladri": "continuate tranquillamente la vostra criminale attività, tanto qui siete tutelati per legge, perché nessuno deve farvi del male mentre siete nell'esercizio del vostro lavoro" ha detto ancora. 

© Riproduzione Riservata.