BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BAMBINA DECAPITATA/ Se "Allah è grande" diventa il grido del nostro vuoto

Pubblicazione:

Un fotogramma della tragedia (Foto dal web)  Un fotogramma della tragedia (Foto dal web)

Questo, fino a vent'anni fa, poteva andare bene per la fiducia che animava la relazione fra generazioni, ma nel tempo del sospetto l'unico antidoto alla violenza ideologica, al vuoto che diventa azione e manipolazione, è un cammino, una strada, che parta dalla realtà e aiuti tutti — il giovane come l'anziano — a recuperare una coscienza delle cose, di quello che esiste. L'Occidente non ha altra strada davanti se non l'appassionata ricostruzione del filo che lega ogni uomo alla realtà, all'esistenza. Senza questo filo tutto svanisce, tutto è posticcio, tutto è inculcato. Ma mai, in definitiva, imparato. Ed è questo che porta una donna a girare per una città con la testa di una bambina a penzoloni. Perché prima dell'ideologia c'è il vuoto che la genera. Quel vuoto di cui sono spesso piene le nostre aule di scuola e che considera la violenza come una possibilità, come una scorciatoia, come un'occasione. Dio non deve niente a ciascuno di noi. Egli ci ha dato tutto: ci ha dato il cuore, ci ha dato la realtà, ci ha dato la ragione. O queste tre cose si incontrano e diventano esperienza di bene e di edificazione reciproca oppure la vita si potrà trasformare, dopo anche una banale lite col proprio marito, in un ostaggio del pensiero. In una vittima certa della propria sete di morte.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
01/03/2016 - Vuoto (Diego Perna)

ma non è che il male va semplicemente combattuto?... e poi magari proviamo a spiegarlo.

 
01/03/2016 - Una pienezza esiste (claudia mazzola)

Io non riesco a salvare il mondo, né quella donna né quella bambina. Conosco Uno però che se ti affidi a Lui salva, niente è impossibile al nostro Signore Gesù Cristo morto in croce e risorto per la salvezza del mondo.