BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

GIORNATA MONDALE DELLA SINDROME DI DOWN/ News, il giorno dedicato alla trisomia 21 (Oggi 21 marzo 2016)

Giornata Mondiale della Sindrome di Down, il 21 marzo è dedicato agli affetti da trisomia 21. Siamo giunti alla decima edizione per portare l'attenzione su questa condizione cromosomica.

Giornata Mondiale della Sindrome di DownGiornata Mondiale della Sindrome di Down

Il 21 marzo, come ogni anno, si celebra in Italia e nel mondo la Giornata Mondiale sulla Sindrome di Down. La manifestazione che è giunta alla sua decima edizione, vuole portare l’attenzione su coloro che sono affetti dalla trisomia 21, conosciuta più comunemente dal nome del medico inglese che la diagnostico la prima volta John Langdon Down, e da allora diventata sindrome di Down. La Giornata Mondiale sulla Sindrome di Down di quest’anno oltre a ricordare i portatori della malattia, e a sensibilizzare i cittadini sulla condizione in cui tanti giovani e meno giovani vivono, serve anche a porre l’attenzione sulla possibilità che hanno i portatori della sindrome, di crearsi un percorso di vita fuori dai canali che li vedono ristretti o all’interno delle famiglie d’origine, o in strutture che il più delle volte impediscono una loro degna integrazione con il mondo circostante. In questo contesto l’associazione italiana che raggruppa le sigle vicine ai malati della sindrome, il CoorDown (Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down), si è fatta fautore (nonché capofila anche per quest’anno) di un progetto comunicativo internazionale.

Il progetto che è alla sua quarta edizione vuole, tramite la produzione di un docu-film, visibile sul canale dedicato di youtube, far capire come anche due adulti affetti dalla sindrome, possono riuscire a costruirsi una vita indipendente, all’interno di un rapporto di coppia, che nulla ha da invidiare a quello sostenuto dalle persone non affette dalla mutazione genetica. Il cortometraggio realizzato con la collaborazione dell’agenzia pubblicitaria americana Saatchi & Saatchi, è intitolato The Special Proposal (la proposta speciale) e s’incentra sulla vita di Caterina e Salvatore due down trentenni che abitano a Roma. Toccante la scena finale in cui l’uomo entra nel fast food dove la sua compagna lavora, e lì sulle note della canzone Come Away with Me, musicata dal vivo dai Neri per Caso, Salvatore dona a Caterina la chiave della nuova casa, dove andranno ad abitare in maniera indipendente. Lo spot segue il percorso già approfondito negli anni precedenti, dove la stessa agenzia aveva cercato di sensibilizzare su tematiche che riguardavano gli uomini e le donne affette dalla Trisomia 21.

A differenza di quelli degli anni precedenti, il docuflm di quest’anno è stato realizzato con la collaborazione di diverse associazioni che si occupano nel mondo dell’integrazione delle persone down. La sua realizzazione ha visto un dispendio tecnologico molto vasto (oltre dieci le telecamere nascoste, un camion regia esterno, il coinvolgimento di tecnici audio, video ed esperti di fotografia) degno delle migliori produzioni. Importanti anche le dichiarazioni di Sergio Silvestre, presidente del CoorDown. Silvestre ha voluto porre l’accento durante la presentazione del cortometraggio, come il progetto comunicativo scelto per quest’anno possa contribuire a far conoscere gli articoli 19 e 23 della petizione approvata a Novembre dall’ONU, articoli che pongono l’attenzione su come si debba dare la possibilità, anche agli ammalati dalla sindrome, di potersi creare autonomamente una famiglia in una residenza diversa dalla propria famiglia d’origine. La scelta dell’integrazione abitativa, vuole rendere onore a una petizione lanciata dalla DSI (Down Syndrome International - Improving Life for People with Down Syndrome) e fatta propria nello scorso novembre dalla terza commissione delle nazioni unite.

La petizione oltre ad "attenzionare" le problematiche delle persone affette dalla sindrome, mira al riconoscimento del 21 marzo come giornata Mondiale di Consapevolezza sulla Sindrome di Down. La data non è stata scelta a caso, e vuole sottolineare sia il nome scientifico della sindrome, Trisomia 21, che la presenza di un cromosoma in più nelle persone affette dalla sindrome (3 invece di 2). Il 21 inoltre ricorre anche nella mutazione della coppia cromosomica nr. 21, mutazione che sta alla base della sindrome. La scelta degli organizzatori è stata appunto di individuare il 21 del terzo mese di ogni anno, come giornata in cui in tutto il mondo ci si possa ricordare, ancor più degli altri giorni, gli ammalati di questa sindrome.

© Riproduzione Riservata.