BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VANESSA SCIALFA/ News, oggi la decisione della Cassazione (Ultime notizie, oggi 22 marzo 2016)

Pubblicazione:

Vanessa Scialfa  Vanessa Scialfa

VANESSA SCIALFA, NEWS: ATTESA PER LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE IN MERITO ALLA RICHIESTA DEL LEGALE DI LO PRESTI (ULTIME NOTIZIE, OGGI 22 MARZO 2016) - C'è grande attesa in merito alla decisione che la Cassazione sarà chiamata a prendere oggi, in merito al processo sull'omicidio di Vanessa Scialfa, la giovane ventenne uccisa a Enna il 24 aprile di quattro anni fa. Accusato dell'atroce delitto è l'uomo con il quale aveva iniziato una convivenza da 79 giorni, Francesco Lo Presti, oggi 38enne. Il reo confesso, grazie al rito abbreviato era stato condannato a 30 anni di reclusione in primo grado. La medesima pena ha poi trovato conferma anche nel processo d'appello. La decisione della Cassazione che si esprimerà oggi, è relativa alla richiesta avanzata dal legale di Francesco Lo Presti, assassino della giovane Vanessa Scialfa, il quale aveva contestato la sentenza d'Appello. Il riferimento è, nello specifico, alla negazione della perizia collegiale che avrebbe potuto provare l'incapacità di intendere e di volere del suo assistito. In sede d'appello, fu negata anche la concessione dell'attenuante della provocazione e della confessione. Secondo la decisione della Corte d'Appello, infatti, come riporta il quotidiano online "La Sicilia", non sarebbero state ritenute credibili le parole di Lo Presti in merito alle motivazioni per le quali avrebbe ucciso la Scialfa. A sua detta, il delitto sarebbe avvenuto per gelosia e in seguito ad una provocazione di Vanessa Scialfa, la quale avrebbe pronunciato il nome dell'ex fidanzato al culmine di una lite. Secondo la ricostruzione relativa all'omicidio avvenuto il 24 aprile 2012, Vanessa Scialfa sarebbe stata strangolata dal suo convivente nell'appartamento dove abitavano da circa due mesi e mezzo con l'ausilio di un cavo del dvd, poi con uno straccio intriso di candeggina le avrebbe tappato la bocca, fino a gettarla da un ponte nella zona di Pasquasia, dove fu poi rinvenuto il corpo di Vanessa Scialfa dopo la confessione dell'assassino avvenuta due giorni dopo il delitto. L'attesa, ora, è tutta per la sentenza della Cassazione. Nel corso dell'udienza odierna, come anticipa il sito "ViviEnna.it", saranno presenti in aula i genitori della giovane ventenne uccisa, insieme al loro avvocato.



© Riproduzione Riservata.