BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Patricia Rizzo / La donna italiana scomparsa a Bruxelles, l'appello dei familiari (Oggi, 24 marzo 2016)

Patricia Rizzo, la donna scomparsa a Bruxelles: ecco chi è l'italiana di cui non si hanno più notizie dal giorno degli attacchi terroristici nella capitale belga

Immagini di repertorio (Infophoto) Immagini di repertorio (Infophoto)

PATRICIA RIZZO, ATTENTATO A BRUXELLES: CHI E' LA DONNA ITALIANA SCOMPARSA NEL GIORNO DEGLI ATTACCHI TERRORISTICI (OGGI, 24 MARZO 2016): L'APPELLO DEI FAMILIARI - Sono in angoscia i familiari di Patricia Rizzo, la 48enne di origini italiane, scomparsa martedì scorso durante gli attacchi terroristici a Bruxelles. La donna lavora all'Ercea, l'agenzia del Consiglio europeo per la ricerca e quel giorno come sempre ha preso con tutta probabilità la metropolitana per andare a lavoro. Ma dopo l'esplosione della bomba nella metro non si sa che fine abbia fatto e potrebbe essere la prima vittima italiana degli attacchi terroristici. I genitori di Patricia Rizzo sono originari di Calascibetta, in provincia di Enna, e sono emigrati in Belgio nel 1962. L'ultimo contatto con la donna da parte dei familiari nel paese siciliano, Mario Niffeci e la moglie Maria Giuseppa Lo Cascio, risale allo scorso Natale, come riporta Rainews, secondo quanto dichiarato all'agenzia di stampa Adnkronos: "Ci siamo fatti gli auguri. Patricia è solare, cordiale, autonoma, una donna in gamba, meravigliosa. Tutta la comunità è in apprensione. Speriamo di poter avere presto buone notizie".

PATRICIA RIZZO, ATTENTATO A BRUXELLES: CHI E' LA DONNA ITALIANA SCOMPARSA NEL GIORNO DEGLI ATTACCHI TERRORISTICI (OGGI, 24 MARZO 2016) - Potrebbe essere la prima vittima italiana degli attacchi terroristici di martedì scorso a Bruxelles, Patricia Rizzo, la donna di 48 anni funzionaria dell'Ercea, l'agenzia del Consiglio europeo per la ricerca. Dal giorno in cui sono scoppiate le bombe nella capitale belga non si hanno più notizie della donna. Secondo quanto riportato da Rainews, i familiari di Patricia Rizzo, Mario Niffeci e la moglie Maria Giuseppa Lo Cascio, hanno dichiarato all'agenzia di stampa Adnkronos: "Siamo frastornati, all'improvviso ci ritroviamo in questo baratro, un dolore immenso, un vero e proprio inferno. Ci auguriamo che tutto si possa risolvere positivamente e che Patricia possa essere ritrovata. Lanciamo un appello a chiunque abbia sue notizie di farsi vivo. Magari Patricia è ferita, si trova in qualche ospedale e non può parlare. Viviamo ore di grande ansia e non ci sono parole per esprimere il dolore della famiglia. I genitori sono distrutti, ieri al telefono sono scoppiati in lacrime. E' una tragedia troppo grande". La donna, figlia di genitori italiani originari di Calascibetta in provincia di Enna ed emigrati in Belgio, viaggiava ogni mattina sulla linea della metropolitana dove è scoppiata una delle tre bombe messe dai terroristi. Patricia Rizzo è nata in Belgio ma tutti i compaesani dei nonni ricordano con affetto la coppia che emigrò in Belgio nel nel 1962, insieme alla mamma di Patricia, che all'epoca aveva 16 anni.

© Riproduzione Riservata.