BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OMICIDIO STRADALE/ Da oggi in vigore la nuova legge, fino a 18 anni di carcere

Pubblicazione:venerdì 25 marzo 2016

Immagine di archivio Immagine di archivio

E' stata pubblicata ieri sul Gazzettino Ufficiale la nuova normativa del codice stradale che inasprisce le pene in caso di incidenti mortali votata lo scorso 2 marzo al senato con 149 voti a favore, tre no e quindici astensioni. L'omicidio stradale è adesso un reato a se stante. Non cambia il tipo di pena previsto quando l'omicidio sia causato da incidente stradale, da due a sette anni di carcere, ma cambiano le specifiche oggettive. Chi causa un incidente mortale in stato di ebrezza con un tasso superiore ai 1,5 grammi per litro, o sotto effetto di droga, può essere condannato da un minimo di otto fino a dodici anni di carcere. Se il tasso alcolemico supera gli 0,8 grammi per litro o l'incidente è causato da guida pericolosa, la condanna è dai cinque a dieci anni. In caso vengano uccise più persone si può essere condannati fino a 18 anni di galera. Se l'autore dell'incidente fugge la pena può essere aumentata di due terzi e comunque non inferiore ai 5 anni per omicidio e tre anni per lesioni. Se si viene condannati scatta il ritiro automatico della patente e si potrà riaverla dopo quindici anni in caso di omicidio e cinque in caso di lesioni. Se il conducente fugge dopo aver causato un omicidio, dovrà aspettare trenta anni.



© Riproduzione Riservata.