BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

UNIONI CIVILI/ Separazione tra conviventi, sì alla negoziazione assistita dal giudice (Ultime notizie oggi, 3 marzo 2016)

Unioni civili, negoziazione assistita: in caso di separazione tra conviventi, non valgono gli accordi che regolano i rapporti tra le parti e i figli minori se non omologati dal giudice

Immagini di repertorio (Infophoto) Immagini di repertorio (Infophoto)

UNIONI CIVILI, SI' ALLA NEGOZIAZIONE ASSISTITA DAL GIUDICE (ULTIME NOTIZIE OGGI, 3 MARZO 2016) - Non solo per le persone coniugate ma anche per quelle conviventi vale l’accordo di negoziazione assistita in caso di separazione e figli minori ma solo se omologato dal giudice. A chiarirlo è stata una recente sentenza del tribunale di Como, riportata dal portale di informazione e consulenza legale "La legge per tutti": "È sempre il giudice, quindi, che deve omologare l’accordo quando i genitori non sposati sottoscrivono la convenzione di negoziazione assistita per regolamentare i rapporti fra loro e il minore dopo la fine della loro unione. E ciò perché tale forma di risoluzione stragiudiziale delle controversie – appunto, la negoziazione assistita – è prevista dalla legge solo per le coppie coniugate che devono separarsi o divorziare mentre non è possibile un accordo solo fra privati senza l’intervento di un giudice che abbia effetto anche sui figli sotto i diciotto anni". 

© Riproduzione Riservata.