BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MASSIMO BOSSETTI/ Se non ha ucciso Yara, le "prove" sono a Cogne e a Garlasco

Massimo Bossetti (Foto dal web) Massimo Bossetti (Foto dal web)

Ora, non diremo mai abbastanza che nessuna giustizia è perfetta, né tantomeno giusta, che non tiene conto, soprattutto in tanti anni di carcerazione e udienze, dei cambiamenti che possono avvenire in una persona. Per chi crede nell'uomo e tanto più in Dio, ogni giorno può essere nuovo e segnato da un cambiamento. Però lo Stato ha regole e conti da far valere, l'impunità fa scandalo e non è tollerata. Aspettiamo un verdetto certo, prima di condannare una vita. Non ci basta che abbia un viso, un comportamento antipatico o anomalo. 

In un'aula gremita del piccolo tribunale di Bergamo il Massi ha deposto, e aspettava da tempo questo momento. Ha fornito certezze? E' parso credibile? Ci sono state rivelazioni eclatanti? Lui non conosceva Yara, come ha sempre detto. Lui non si ricorda dov'era il giorno del delitto. E' plausibile. Lui non sa niente di dna. Se era una prova schiacciante, che bisogno abbiamo di prove? Se non lo è, ci bastano gli indizi? Ci accontenteremo, come sempre. Spegnendo i riflettori sul muratore e sulla sua famiglia. Sempre con in testa quell'aggettivo: probabile. E' molto probabile che sia lui. Un'affermazione che non ci acquieta per niente.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
05/03/2016 - prove vere? (marco falini)

Il fatto e' che non vengono piu' fatte indagini vere come una volta. E, veramente, si era letto da qualche parte che i carabinieri avevano ammesso in pratica che il furgone che passava li' davanti del Bossetti era una loro libera ricostruzione. Qui e' 40 anni che si trova subito UN colpevole (non IL colpevole): come Colombo, peccato non hanno il suo talento; e poi si cerca di costruirgli intorno ad hoc le prove che lo incastrano. Che io ricordi, cominciarono con Pacciani: all'imbrunire, con l'ultimo raggio di luce, oh casualita', l'indagante trovo' in terra... ecc.ecc.. quindi si cerca in primis come nel caso Pacciani il candidato perfetto, lui era schedato aveva precedenti di guardone e di autoerotismo, insomma UN colpevole. Nello specifico in sostanza mi pare di aver capito che l'unica cosa certa-la prova delle prove - che hanno in mano (una cosa terribile per i bacchettoni) che la famiglia Bossetti la sera si guardava beatamente i film porno; come 10 milioni di italiani. E che nella coppia c'era forse qualche tradimento, sempre come altri 10 milioni di italiani. Provone, insomma. Per tanti (anche l'autrice?), evidentemente bastano.