BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PARCHEGGI PER DISABILI/ Video, Strongoli: la polizia locale occupa abusivamente il posto (Le Iene Show, 8 marzo 2016)

Pubblicazione:martedì 8 marzo 2016 - Ultimo aggiornamento:martedì 8 marzo 2016, 11.11

Le Iene Show Le Iene Show

PARCHEGGI DISABILI OCCUPATI ABUSIVAMENTE, VIDEO: LA POLIZIA LOCALE DI STRONGOLI OCCUPA ABUSIVAMENTE IL POSTO (LE IENE SHOW) - Un gesto di inciviltà quello di inciviltà quello di occupare abusivamente i parcheggi per disabili. Ancora più incivile se a compierlo sono le forze dell'ordine. Se ne parla questa sera nella trasmissione di Italia 1 Le Iene Show. Giulio Golia si reca a Strongoli, cittadina in provincia di Crotone balzata recentemente agli onori della cronaca per un video che documenta come il comandante dei vigili urbani, il vicecomandante e il sindaco del paese abbiano parcheggiato l’auto della polizia locale in uno spazio riservato ai disabili. E il video era stato pubblicato da Catanzaro Informa lo scorso febbraio: "Il filmato è stato diffuso su Facebook da Iacopo Melio, un cittadino si rivolge alle persone che stanno per salire in auto per chiedere spiegazioni e che riceve invece una risposta quanto meno inopportuna. Poco tempo dopo Michele Laurenzano, sindaco di Strongoli, che come si intuisce dalla risposta era in macchina con gli agenti e ha scritto un post pubblico sulla bacheca di Iacopo Melio per scusarsi dell’accaduto dopo che la vicenda aveva provocato una valanga di comprensibili commenti negativi". (clicca qui per vedere il video) Questa la risposta del sindaco, riportata dal quotidiano: "Ho appreso solo da pochi minuti della nota pubblicata su Facebook e che merita una risposta: 'oggi di ritorno dalla Regione, circa le 14.40, ci siamo fermati per prendere, a nostre spese, qualcosa da mangiare. Purtroppo, non ci siamo accorti che il vigile aveva parcheggiato sullo spazio per disabili perché pioveva. Ha sbagliato ed ha sbagliato anche per la reazione avuta. Chiedo due volte scuse al posto suo per l’atto scorretto commesso di cui l’Amministrazione Comunale gli chiederà conto' ". 

PARCHEGGI DISABILI OCCUPATI ABUSIVAMENTE, IL SERVIZIO DI GIULIO GOLIA A STRONGOLI IN PROVINCIA DI CROTONE - Questa sera, martedì 8 marzo 2016, è in programma su Italia Uno una nuova puntata della trasmissione di approfondimento Le Iene condotta da Pif, Geppi Cucciari e Nadia Toffa. Tanti i servizi che verranno proposti in questo nuovo appuntamento tra cui anche quello realizzato dall’inviato Giulia Golia recatosi presso la piccola cittadina di Strongoli ubicata in provincia di Crotone, per occuparsi di una vicenda purtroppo piuttosto diffusa nella nostra amata Italia. Sembra che il Sindaco della cittadina, il comandante dei Vigili ed il suo vice, puntualmente utilizzano i posti riservati ai disabili per parcheggiare le proprie auto. Tra l’altro Golia indagando sul passato del comandante dei vigili, viene a sapere che è stato rinviato a giudizio per aver suggerito una serie di risposte alla prova scritta per il concorso di assunzione di un agente della polizia municipale. Come se non bastasse una vicina dell’abitazione in costruzione dello stesso comandante dei vigili, l’ha denunciato alla Procura per abuso edilizio e per non aver fatto rispettare agli operai della ditta edile i criteri di sicurezza. Tornando alla questione dei parcheggi riservati ai disabili ed occupati indebitamente da cittadini che non ne avevano diritto, è un malcostume tutto italiano purtroppo molto diffuso e di cui spesso si sono fatti portavoce alcune trasmissioni televisive. Infatti, molti ricorderanno in una puntata di Striscia la notizia il servizio realizzato da Jimmy Ghione che a Roma e per la precisione presso l’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini è stato testimone di come i parcheggi per disabili venissero occupati abusivamente da dipendenti dello stesso ospedale, cittadini e quant’altri. Non resta che attendere questa sera per vedere il servizio di Giulio Golia e quindi appurare quale sarà la reazione dei diretti interessati messi davanti alle proprie responsabilità.



© Riproduzione Riservata.