BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

AMORIS LAETITIA/ Cambiare gli occhi per capire le "aperture"

Infophoto Infophoto

Questa impostazione garantisce all'esortazione apostolica di stabilizzare sul piano pastorale, e dottrinale, gli esiti più fecondi dei due anni di lavoro sinodali sulla famiglia: l'attenzione alla specificità delle culture cui si rivolge l'annuncio cristiano; l'accoglienza ecclesiale e la valorizzazione nella vita della Chiesa dei cosiddetti "irregolari" quanto al loro percorso matrimoniale, a cominciare dai divorziati risposati; lo sguardo al femminile — contro ogni violenza contro le donne — sulla vita delle coppie; il rispetto e la piena dignità nella Chiesa e per la Chiesa per gli omosessuali, che non significa affatto cedere ad improprie equiparazioni al matrimonio (nelle sue ragioni fondative dell'umana società, affidate alla coppia eterosessuale procreativa), ma togliere alla condizione omosessuale l'insostenibilità di uno stigma di peccato, che non sta né in cielo né in terra, se la sessualità è un dono di Dio alle creature, e non è immaginabile che a qualcuno la si possa far vivere come segno di una "minorità" della propria filiazione creaturale.

Insomma di "aperture" pastorali, e più implicitamente dottrinali, importanti in questo testo di Francesco ce ne sono. Ma quel che più importa è il motivo per cui vi sono: la riapertura o una più piena apertura del cuore della Chiesa — che è poi il cuore dei fedeli — al mistero dell'uomo che gli è stato affidato. Motivo per cui alla fine le "brevi linee di spiritualità familiare", come le chiama il Papa, con cui l'Esortazione si chiude, hanno un afflato che può ben abbracciare ogni famiglia oggi, ogni incontro tra uomo e donna che generi figli e li cresca, e ogni solidarietà umana che viva insieme la quotidiana speranza della propria vita, della laetitia che può recarvi l'amore. Anche fuori dai "recinti" — confessionali e culturali — dell'annuncio cristiano. Un'Esortazione la cui "cattolicità" è alla fine, come in molte proposte di Francesco, innanzi tutto "umana", e fa dell'annuncio cristiano, anche quello che riguarda la famiglia, qualcosa di interessante per tutti.

© Riproduzione Riservata.