BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PARRUCCHIERE GAY / Lasciato morire e poi bruciato dal partner arrabbiato: aveva rivelato di essere sieropositivo (oggi, 19 aprile 2016)

Parrucchiere gay lasciato morire dal partner perché gli aveva rivelato di essere sieropositivo: notizia choc dall'Inghilterra, il Mirror racconta i dettagli. Ha poi bruciato il corpo

Polizia inglese (Infophoto) Polizia inglese (Infophoto)

PARRUCCHIERE GAY LASCIATO MORIRE E POI BRUCIATO DAL PARTNER ARRABBIATO: GLI AVEVA RIVELATO DI ESSERE POSITIVO ALL’HIV (ULTIME NOTIZIE OGGI, 19 APIRLE 2016) - Notizia choc arriva dall’Inghilterra: un parrucchiere gay è stato lasciato morire e alla fine bruciato dal partner gay arrabbiato con lui perché gli aveva rivelato di essere sieropositivo. L’orrore di notizia arriva dal Mirror e ha subito scatenato putiferio in Gran Bretagna per la particolarità del delitto: l’uomo in questione, Thomas White, ha ammesso alla polizia di aver lasciato morire il suo compagno, Ashley Gillard, perché furioso con lui per avergli nascosto all’inizio di essere sieropositivo. La coppia aveva preso droghe di classe A  e ad un certo puntali parrucchiere ha avuto un attacco, probabilmente di overdose: il compagno, non essendo riuscito ad aiutarlo al momento, anche lui stordito dal forte uso di sostanze stupefacenti, è uscito dalla stanza lasciando lì il compagno in preda all’attacco, troppo arrabbiato per quello che gli aveva detto. Thomas White ha rivelato che il suo compagno gli aveva da poco raccontato che era positivo al virus dell’HIV nonostante avessero avuto già molti rapporti insieme. L’ammissione di omicidio colposo è arrivata dopo il ritrovamento del cadavere del parrucchiere omosessuale, anche se in un primo momento aveva negato l’accusa: nel corso dell’interrogatorio è poi arrivata l’ammissione per negligenza grave. Dopo quattro giorni  è tornato nell’appartamento a ha trovato il copro in decomposizione del parrucchiere, a quel punto ha deciso di bruciare il suo corpo e poi di scappare dal balcone con una corda, mentre l’appartamento andava velocemente a fuoco.

© Riproduzione Riservata.