BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Giornata mondiale dell'autismo / Oggi 2 aprile 2016 il giorno dedicato alla patologia: “In Italia i casi non sono censiti”

Giornata mondiale dell'autismo, oggi 2 aprile 2106: il giorno dedicato dall'Onu nel 2007 per tutti gli affetti da questa difficile e complessa patologia. Problema vaccini e sostegno sociale

Infophoto Infophoto

GIORNATA MONDIALE DELL’AUTISMO, OGGI 2 APRILE 2016: "IN ITALIA I CASI NON SONO CENSITI"- Non ci sarebbe un censimento dei casi di chi è affetto da autismo. La denuncia arriva dalla Fondazione italiana che se ne occupa nella Giornata mondiale dell'autismo. A riportarla è Il Fatto Quotidiano che ha intervistato Serafino Corti, ricercatore e membro del Comitato scientifico della Fondazione italiana per l’autismo: "In Italia non abbiamo numeri ufficiali. Quelli che possiamo registrare derivano dai dati raccolti da alcune Regioni. Si parla del 3-4 per mille. In Piemonte siamo attorno al 4,6 per mille; in Emilia al 3,4 per mille. Numeri più bassi rispetto a quelli che vengono definiti dagli Stati Uniti ma è evidente che nel momento in cui la capacità diagnostica cresce queste stime diventano più affidabili. L’elemento comune tra gli Usa e l’Italia è che siamo concordi nel dire che negli ultimi 35 anni il numero è aumentato ovunque: da quattro persone ogni dieci mila siamo passati a uno su cento. Di fatto abbiamo un’impennata dovuta da una maggiore capacità diagnostica ma concorrono anche delle componenti di tipo genetico ed epigenetico. Anche in Italia ci si sta muovendo per costruire un registro nazionale".

GIORNATA MONDIALE DELL’AUTISMO, OGGI 2 APRILE 2016: MONTECITORIO SI ILLUMINA DI BLU - Per la nona Giornata Mondiale della consapevolezza dell'Autismo anche la Camera dei Deputati ha voluto partecipare attivamente alle iniziative che avranno luogo in questo 2 aprile 2016 illuminandosi di blu. Le luci che hanno illuminato la facciata principale di Palazzo Montecitorio durante tutta la nottata appena trascorsa sono state accese al termine di un conto alla rovescia al microfono che ha visto protagonisti famiglie e rappresentanti dell'associazionismo che quotidianamente lottano con l'autismo, nonché la Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini e il ministro della Sanità, Beatrice Lorenzin. Come riportato da Adnkronos, la Presidente Boldrini era molto soddisfatta dell'iniziativa:"Non è la prima volta che la Camera aderisce all'iniziativa di illuminare i monumenti di blu per la giornata mondiale sull'autismo ma quest'anno siamo particolarmente orgogliosi perché abbiamo fatto quello che ci eravamo ripromessi". In questo caso il riferimento è alla legge sull'autismo e al "Dopo di noi", testo approvato alla Camera e ora oggetto di discussione al Senato:"Ma questo è solo l'inizio di un percorso. Andremo avanti grazie alla fiducia dei cittadini. La fiducia nelle istituzioni, ci permette di andare avanti e questo Parlamento sta mantenendo gli impegni presi".

GIORNATA MONDIALE DELL’AUTISMO, OGGI 2 APRILE 2016: IL GIORNO DEDICATO A TUTTI GLI AFFETTI A QUESTA PATOLOGIA - Oggi 2 Aprile ricade la Giornata Mondiale dell’Autismo. Lo scopo di questa giornata è quello di migliorare sempre di più la vita di tutti coloro che sono affetti da questa patologia, in modo tale da condurre una vita tranquilla il più possibile. L'autismo è una forma particolare di disabilità differente da altre, purtroppo questa patologia è ancora sconosciuta e l'impegno delle istituzioni a tal riguardo non è abbastanza, nonostante sia una patologia in costante crescita e colpisce un bambino su cinquanta circa. Il giorno 2 Aprile si svolgerà la giornata mondiale della consapevolezza dell'autismo istituita nel 2007 la prima volta dalla Nazioni Unite. Per cui lo scopo sarà quello di far luce su questa patologia, aiutando la ricerca e migliorandone i servizi, ostacolando l'isolamento e la discriminazione di cui sono vittime le persone affette da questa patologia.

Secondo una ricerca effettuata dal Censis, il nostro Paese è uno dei paesi delll'Ue che stanzia meno fondi per poter proteggere queste persone dal punto di vista sociale. La mancanza di preparazione su questa malattia dipende molto dalla carenza di informazione nelle scuole e altri settori come essa, che molto spesso non sono in grado prendersi carico di queste persone, aiutandole ad avere pari opportunità e uno futuro professionale. Infatti, l'edizione del 2015 è stata incentrata sull'occupazione, in quanto è stato dimostrato che l'80%degli adulti affetti da questa patologia sono disoccupati. Anche se questi soggetti mostrano un gran potenziale da poter sfruttare nell'ambito lavorativo. Per poter ovviare questo problema sarebbe opportuno aumentare la formazione professionale, offrire un sostengo per inserirsi nell'ambito lavorativo ed eliminare completamente il concetto della discriminazione.

In occasione di questa giornata vengono programmati in tutto il mondo convegni,eventi, letture ed incontri per sensibilizzare l'opinione pubblica su questa patologia. Il colore attribuito alla giornata sarà il blu, si provvederà ad illuminare di questo colore i principali uffici di tutte le maggiori città del mondo, come testimonianza alla partecipazione di questa giornata nei confronti di coloro che sono affetti dall'autismo. Nel corso delle passate edizioni sono stati illuminati con questo colore, l' Empire State Building presente nella città di New York, la piramide di Giza in Egitto cosi come il Cristo di Rio de Janeiro e l'Arco di Costantino nella capitale italiana. A quanto pare anche l'arte può fungere da veicolo di trasmissione di informazione sociale, di sostentamento e sociale. E' proprio su questo che si fonda l'ARCA la Fondazione onlus che è stata in grado di unire l'autismo all'arte, avvicinando sempre di più i ragazzi autistici alla musica, alla lettura e al disegno.

Si può concludere dicendo che la mente umana, ma nello specifico quella di una madre e di un padre, non riesce a tollerare l'incertezza sulla salute del proprio figlio! Per cui molto spesso ci si affida a pareri autorevoli come quello di un medico che cerca di rassicurare i genitori con pareri superficiali rispetto alle loro preoccupazioni, oppure medici che vogliono rifilare la teoria sull'inefficienza dei vaccini nonché l'appello alle varie teorie del complotto che nella maggior parte dei casi trovano terreno fertile nella rete. Ma un genitore va informato ed essere in grado di scegliere se vaccinare o meno il proprio figlio ed essere a conoscenza dei pro e dei contro di una tale scelta, inoltre deve essere rassicurato e confortato sulla salute dei propri figli con delle soluzioni più che attendibili. Per cui farsi seguaci di un movimento o di un altro da parte di una madre o di un padre vuol dire decidere se salvaguardare o meno il figlio affetto da autismo, regalarsi ovviamente soltanto l'illusione ma non la certezza di aver fatto scelta giusta o meno a tal riguardo. Questi genitori spesso cercano la causa che spieghi la malattia del figlio e cerca di dare la colpa ai vaccini, ma non sempre è cosi purtroppo. Per cui vanno sostenuti in questa malattia.

© Riproduzione Riservata.