BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

CASSETTIERA MALM / Ikea, terzo bambino schiacciato dal mobile: è allarme (oggi, 21 aprile 2016)

Cassettiera Malm, Ikea: un altro bambino è rimasto schiacciato dal mobile prodotto dal colosso svedese che si difende così:"Il mobile non era stato attaccato al muro", ma è allarme.

Ikea (Fonte Infophoto)Ikea (Fonte Infophoto)

La cassettiera Malm prodotta dall'Ikea continua a far parlare "tragicamente" di sé: un terzo bambino infatti è rimasto schiacciato dal mobile nella sua casa in Minnesota. Ma facciamo un passo indietro: come riporta "blitzquotidiano.it" la prima vittima della cassettiera Malm era stato un bambino di 2 anni morto in Pennsylvania nel febbraio del 2014; tre mesi più tardi la stessa sorte era toccata ad un bimbo di 23 mesi residente a Washington, morto sotto il peso di tre cassetti. Questa volta la vittima del mobile Ikea risponde al nome di Theodore McGee, 1 anno e 10 mesi, morto nella propria abitazione lo scorso 14 febbraio. La reazione del colosso svedese non si è fatta attendere:"Facciamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia. Crediamo che i bambini siano le persone più importanti al mondo e la sicurezza dei nostri prodotti è la nostra più alta priorità". Per Ikea, in questo caso come nei due precedenti, bisogna sottolineare le colpe di chi non ha provveduto a fissare il mobile al muro come indicato chiaramente dalle istruzioni; un portavoce dell'azienda svedese ha chiarito:"Siamo stati informati che il prodotto non era stato attaccato al muro, che è parte integrante delle istruzioni per il montaggio. La cassettiera Malm e tutte le altre cassettiere sono testate per la conformità a standard di sicurezza europea (EN 14749). Ikea ha lavorato per aumentare la consapevolezza dei clienti nel fissare i mobili alla parete. Oltre a fornire sistemi di ritenuta tip-over con tutti i mobili di stoccaggio in cui sia richiesto il fissaggio". Ikea dunque non ci sta a passare per un'azienda che non si preoccupa della sicurezza dei propri clienti: basterà una nota di chiarimenti a sedare gli animi?

© Riproduzione Riservata.