BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

WHY NOT?/ Saladino: 10 anni e una vita distrutta, ma la giustizia ha funzionato

Luigi de Magistris (Infophoto) Luigi de Magistris (Infophoto)

E' vero. Alcuni non hanno retto, non ce l'hanno fatta, sono morti, si sono lasciati morire, sono rimasti soli e amareggiati. Questa giustizia che alla fine si dimostra corretta e rimette a posto le cose, non riesce in ogni caso a ridarti la serenità di dieci anni di vita vissuti nell'angoscia e con un disagio esistenziale che è difficile descrivere. Dieci anni di vita perduti.

 

Lei era un dirigente di spicco della Compagnia delle Opere in Calabria. Era riuscito a portare lavoro, aveva l'entusiasmo di chi vuole creare iniziative e l'orgoglio di riscattare, nei limiti del possibile, la situazione del suo Sud.

Avrei dovuto leggere prima quello che aveva scritto Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Il significato di una sua bella frase è praticamente questo: a sud è meglio restare immobili, non fare nulla. Altrimenti si riesce a scatenare solo invidia.

 

Certo che il meccanismo usato in "Why not" ricorda il tritacarne di tante inchieste giudiziarie all'italiana. Arriva il "canarino" pentito e usato, la grancassa dei media, il protagonismo dei pm italiani, che sono gli unici magistrati al mondo che hanno tanto potere. Alla fine uno si ritrova stritolato e non sa più dove girarsi. E naturalmente viene pure accusato di aver messo in crisi le realtà di cui ha fatto parte, come la Compagnia delle Opere. Oppure compromette i contatti normali che ha avuto con uomini politici. Nell'inchiesta di "Why not" è finito, tra gli altri, pure Clemente Mastella e quella stessa inchiesta ha contribuito a mettere in crisi un governo.

Tutto vero, tutto da far rabbrividire. E poi il pensiero che ritorna continuamente alle cose fatte, alle occasioni che sono andate sprecate, al lavoro che ti è mancato, alla fatica di reinventarsi una vita di fronte alla tua famiglia che soffre. E puoi metterti a querelare a destra e a manca. Non c'è niente che ti ripaga dopo aver passato una simile vicenda.

 

Alla fine quello che sta meglio, dopo l'inferno che è stato scatenato in Calabria dieci anni fa, è di fatto l'attuale sindaco di Napoli Luigi de Magistris. Fuori dalla magistratura, ma primo cittadino a Palazzo san Giacomo. Proprio un'esemplare storia italiana di questi tempi.

Non ho più voglia di fare commenti. Ora sono soddisfatto per la correttezza dei giudici di Salerno.

 

Incredibile che in questo paese si resti ormai soddisfatti perché i magistrati si comportano correttamente. Che altro dovrebbero fare? Si potrebbe commentare che ci sarebbe da stupirsi per lo stupore. Ben tornato Saladino.

Grazie.

 

(Gianluigi Da Rold)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
22/04/2016 - Dio abbia pietà dell'Italia (Maurizio Vitali)

Un abbraccione Tonino e bravo Gigi Da Rold. Che dire? Quello che da anni penso: O con Dio o con le Brigate Rosse.

 
22/04/2016 - Lo sapete vero per chi lavora de Magistris? (claudia mazzola)

La giustizia dell'uomo funziona di comodo. Si assolvono le persone quando non servono più.