BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CAMPI FLEGREI/ Video, il rischio di eruzione mette in pericolo 1 milione di persone (oggi, 26 aprile 2016)

Campi Flegrei, aggiornamento di martedì 26 aprile 2016. Un'eruzione potrebbe portare a sollevare numerosi problemi di sicurezza: nella zona a medio rischio vive 1 milione di persone.

Costa Flegrea, infophoto Costa Flegrea, infophoto

Negli ultimi giorni il rischio sismico dei Campi Flegrei di Napoli è tornato alla luce. Un servizio del Tg1 ci mostra le varie zone vulcaniche, considerate le più pericolose. Anche per questo sono monitorate in modo costante, soprattutto perché la concentrazione dell'anidride carbonica immessa nell'atmosfera è alta ed anche perché sono numerose le abitazioni presenti nei crateri. Il rischio sismico dei Campi Flegrei è elevato e non è una consapevolezza recente. In 15mila anni sono state infatti 80 le eruzioni e basti pensare che 39mila anni fa, le ceneri del supervulcano creò un'eruzione così catastrofica che le ceneri arrivarono fino all'attuale Siberia. E' stata l'eruzione più significativa in tutta l'Europa negli ultimi 200mila anni, come riferisce Antonio Costa, ricercatore dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, in un'intervista Ansa: "per fortuna eruzioni di questo tipo sono rarissime, ma studi come questo ci aiutano a prevedere che cosa potrebbe accadere nel caso di nuove eruzioni dei Campi Flegrei in futuro". La minaccia non è quindi da sottovalutare ed anche se di entità minore, il rischio eruzione è comunque presente. Per questo motivo, riferisce Vicenzo Morra dell'Università Federico II di Napoli, l'intera zona è stata suddivisa in due macroaeree: alto e medio rischio. Il problema maggiore è che proprio nei Campi Flegrei  vive oltre 1 milione di persone. Morra sottolinea che l'eruzione qui potrebbe comportare un collasso dei tetti a media resistenza e che l'esodo potrebbe rivelarsi uno dei problemi maggiori. L'informativa diffusa è infatti carente in questo senso e la partecipazione comunale ai piani di sicurezza quasi inesistente. In questo modo in caso di eruzione è facile che si verifichi un esodo caotico piuttosto che ordinato e che si arrivi allo sviluppo di una problematica che riguarda la sopravvivenza. Clicca qui per vedere il servizio del Tg1 sui Campi Flegrei di Napoli

© Riproduzione Riservata.