BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Prete scappa con la volontaria / Acireale, frate camilliano fugge con i soldi della cassa: parla il religioso (La vita in diretta oggi 26 aprile 2016)

Prete scappa con la volontaria: il caso ad Acireale, un frate fugge con le donazioni della cassa per il centro di accoglienza camilliano. Ultime notizie a Pomeriggio 5, oggi 26 aprile 2016

Infophoto Infophoto

Pomeriggio particolare sulla tv italiana: il caso del prete di Acireale scappato con l’amante e volontaria del centro di prima accoglienza, è stato trattato sia su Rai 1 a La vita in diretta che su Mediaset con il programma della D’Urso, Pomeriggio 5. Vittorio Duca, questo il nome del frate camilliano che oltre ad aver lasciato la tonaca ed esser scappato con la presunta amante, è stato accusato di aver portato via anche alcuni soldi della cassa per le donazioni del centro da lui amministrato a livello economico. Lo stesso ex prete è stato intervistato telefonicamente da Pomeriggio 5 e ha dichiarato: «io non sono scappato, ho deciso con sofferenza di non vivere due vite come molti mi accusavano e di prendere una strada con questa persona. Ho trovato una mossa molto bassa quella dei quotidiani locali di diffondere il nome della ragazza e di infangare la sua famiglia dicendo cose non vere». Sul fatto dei soldi ha invece affermato che non si tratta di un furto ma di un semplice errore e che lo stesso frate è già in contratto con i superiori per comprendere bene le modalità di soluzione del inconveniente.

Caso incredibile oggi a Pomeriggio 5: un prete scappa con la volontaria e si porta dietro anche le donazioni del centro di prima accoglienza per poveri ed emarginati della “Casa Sollievo di San Camillo”. Il rettore camilliano Vincenzo Duca sarebbe dunque fuggito con una volontaria della struttura e con ben 28mila euro dell’ente di beneficienza: questa è l’accusa riportata negli ultimi giorni sulla stampa nazionale, con la denuncia presentata nei suoi confronti dai religiosi camilliani suoi confratelli alla Procura della Repubblica di Catania. Al religioso era affidata la completa gestione economica della provincia siculo-napoletana dell’Ordine fondato da San Camilo de Lellis. Non si sa al momento se il prete, svestiti gli abiti di sacerdote, sia scappato con la volontaria per una fuga d’amore o per altri motivi. Di certo, al momento il fatto grave è la fuga con le donazioni della cassa, anche se questo punto viene al momento indagato dalla Procura. «Siamo molto rammaricati e amareggiati. Posso comprendere le fragilità umane, ma sono amareggiato per questo gesto un p’o’ nascosto, di questo appropriarsi. Non è per niente bello», afferma il Vescovo della Diocesi Monsignor Antonino Raspanti. Durante la trasmissione con Barbara D’Urso si viene a sapere che le cifre presunte rubate sono finite per errore sul conto in banca di Duca, che era il responsabile economico dell’intero centro. Alla Procura l’ultima parola sulla veridicità dei fatti e delle responsabilità.

© Riproduzione Riservata.