BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ULTIME NOTIZIE/ Oggi, ultim’ora: dna, individuati i geni della felicità, della depressione e delle nevrosi (26 aprile 2016)

Ultime notizie di oggi, le ultim'ora del 26 aprile 2016: A margine delle manifestazioni che ricordano il 25 aprile Renzi esorta Davigo a fare i nomi dei presunti politici corrotti.

Le ultime notizie di oggi (InfoPhoto)Le ultime notizie di oggi (InfoPhoto)

F- Frammenti di dna che contengono i geni della felicità, della depressione e della nevrosi. Si tratta di uno studio presentato dalla rivista Nature Genetics secondo il quale analizzando il genoma di circa 300mila persone sono stati individuate tre varianti genetiche legate al sentimento della felicità, due ai sintomi della depressione e undici del genoma collegato ai sintomi della nevrosi. I cosiddetti geni della felicità entrano in funzione in special modo nelle cellule del sistema nervoso centrale, nelle ghiandole surrenali e nel pancreas. Troppo presto per adesso capire se siamo "geneticamente modificabili", se cioè chi soffre di depressioni possa aumentare i geni della felicità.

Immigration Bill, la camera dei Comuni del parlamento inglese ha respinto con 294 voti contro 276 la possibilità di accogliere nel Regno Unito i circa 3mila bambini che si trovano nei campi profughi francesi di Calais. Il governo inglese aveva già offerto di accogliere circa 3mila bambini dei campi profughi del Medio Oriente e il parlamento si è espresso sulla medesima linea. Per Cameron e il suo esecutivo non vale il concetto di divisione di quote di migranti già in Europa perché, si dice, servirebbe solo ad alimentare il flusso di migranti in Europa.

Il presidente della regione Campania Stefano Graziotto, appartenente al Pd, risulta indagato con l'accusa di concorso esterno in associazione camorristica. Nel dettaglio, il politico avrebbe ottenuto l'appoggio elettorale da parte di Alessandro Zagaria, un imprenditore che è solo omonimo del boss della camorra. Nell'inchiesta sono coinvolte altre nove persone, funzionari comunali, professionisti e imprenditori della provincia di Caserta.

Le motivazioni che hanno portato alla vittoria della causa del killer di Utoya, Anders Breivink, sono state rese pubbliche e sono disponibili su questo sito. Breivink, condannato a soli 21 anni di carcere, ha vinto la sua causa contro il governo norvegese perché  riconosciuto vittima di trattamenti "disumani" e in violazione al codice europeo dei diritti umani. In sostanza, data la sua pericolosità, l'assassino di 77 persone dal giorno del suo arresto è stato tenuto in isolamento senza contatti con gli altri prigionieri. Inoltre la posta che riceveva veniva controllata sistematicamente. Tanto è bastato per ottenere il riconoscimento della violazione dell'articolo 3 e dell'articolo 8 della convenzione europea dei diritti umani. Leggendo la sentenza verrebbe piuttosto da ridere, visto che Breivink ha a disposizione ben tre celle diverse: una di larghezza di otto metri quadri per il giorno, una seconda cella provvista di letto, tavolo, seggiola, tv, lettore dvd e una cella con una libreria, una seconda televisione, attrezzi da palestra e accesso a un computer. Per quanto riguarda i contatti personali, l'assassino ha diritto a colloqui con un medico, avvocati e anche un sacerdote, che può incontrare da dietro un vetro. Ha diritto a colloqui giornalieri con il direttore del carcere e il resto dello staff del carcere, il diritto di fare telefonate di venti minuti una volta la settimana e comunicare via mail, ovviamente controllate. Condizioni veramente "disumane". 

Per Giorgia Meloni il centrodestra non esiste più. E' una esperienza chiusa ha dichiarato il leader di Fratelli d'Italia al programma Mattino 5 aggiungendo che in caso di ballottaggio a Roma dove è candidata sindaco non farà alcun apparentamento, escludendo quindi di appoggiare il candidato di Forza Italia, Guido Bertolaso. Si chiude dunque un'era, quella di una coalizione di centro destra guidata da Berlusconi: "Il centrodestra come lo abbiamo conosciuto è un'esperienza chiusa. Ciò non toglie che stiamo costruendo una cosa perfettamente nuova, per dare una casa e qualcosa in cui credere a una maggioranza di cittadini italiani che la pensano come noi" ha detto.

Massimiliano Latorre potrà restare in Italia fino al 30 settembre 2016. Lo ha deciso la Corte suprema italiana nei confronti del marò che dalla fine del 2014 si trova in Italia dopo un attacco di ictus. Il ministero degli esteri italiani ha però risposto seccamente che "la giurisdizione indiana non ha alcun valore giuridico" perché il nostro paese riconosce solo il Tribunale internazionale per il diritto del mare, tribunale che nel 2015 aveva sentenziato che India e Italia dovevano sospendere ogni tipo di procedimento giudiziari fino alla conclusione del percorso arbitrale. Il nostro governo ha anche chiesto al Tribunale il ritorno in Italia dell'altro marò, Salvatore Girone, fino alla fine della procedura arbitrale. 

Una lettera anonima ricevuto dall'avvocato Bladuin difensore della famiglia Noventa. Dentro indicazioni sul posto dove potrebbe trovarsi il cadavere di Isabllea Noventa, la donna scomparsa e uccisa il 16 gennaio. Sospettati in due, tra cui la sorella della donna e l'autore della missiva sembra far capire che li conoscesse entrambi. Il corpo della donna secondo l'autore della lettera dovrebbe trovarsi nel lago di Padova, e proprio in riva al lago si recarono a ballare la sera della scomparsa al circolo Relax Freddy Sorgano e Manuela caco.

Oggi in molte parti del nostro paese è stata festeggiata la giornata della Liberazione, tramite manifestazione che hanno ricordato quel 25 aprile del 1945, quando l’Italia disse definitivamente addio al nazifascismo. La manifestazione più importante è stata quella che si è tenuta a Roma, e che ha visto impegnati le più alte cariche civili e militari rendere omaggio al sacrario del milite ignoto. In quest’occasione il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricordato che "è sempre tempo di resistenza". L’intervento del capo dello stato ha riscosso molti applausi da parte dei tanti curiosi assiepati i piedi del monumento. Contestato a Genova invece il governatore ligure Toti, i fischi sono partiti quando l’esponente politico ha ricordato i Marò ancora sotto processo in India, molti a quel punto dalla folla hanno bersagliato Toti con parole che sottolineavano la sua presunta ipocrisia, molta la tensione ma nessun incidente si è registrato tra la folla.    

Il Presidente del Consiglio, torna ad esprimersi in maniera dura sulle parole del presidente dell’associazione nazionale magistrati, Piercamillo Davigo, e lo fa a margine delle manifestazioni che ricordano il 25 Aprile. Renzi esorta l’ex magistrato di mani pulite a fare i nomi dei presunti politici corrotti, perché "dire che sono tutti colpevoli significa dire che nessuno è colpevole". Il premier riserva alla vicenda una parte del suo lungo intervento, sintomo questo del nervosismo che le affermazioni di Davigo hanno suscitato all’interno dell’esecutivo. Renzi esorta anche i giovani italiani a tenere alta l’attenzione su tutti gli estremismi, fascismo compreso, perché "L'antifascismo è elemento costitutivo e irrinunciabile della nostra società."    

Importante affermazione del Presidente americano Barak Obama impegnato in una visita alla fiera industriale di Hannover in Germania. Il premier americano che era accompagnato dalle massime cariche tedesche, Angela Merkel compresa, si è intrattenuto molto brevemente con i giornalisti, e non si è tirato indietro dal rilasciare qualche dichiarazione sulla questione migranti. Obama citando papa Francesco ha sottolineato come non serve all’Europa "innalzare muri". L’affermazione di fatto riporta l’attenzione sull'importante questione del Brennero, egli dicendo queste parole si è schierato con il nostro paese, riprendendo in maniera neppure tanta nascosta, quell’Austria rea di chiudere, per ragioni di presunta sicurezza nazionale, uno dei più importanti valichi europei.    

Con l'importante vittoria di oggi della Roma sul campo del Napoli, la Juventus di Massimiliano Allegri si è laureata con ampio anticipo, Campione d’Italia. I giocatori bianconeri hanno festeggiato il goal di Nainggolan mentre erano sul campo di allenamento di Vinovo, immediatamente si sono trasferiti negli spogliatoi dove la festa era stata già allestita dall’entourage della squadra di Torino. Allegri nelle dichiarazione successive ha posto l’attenzione di come le fatiche dei giocatori non sono ancora giunti al termine, Pogba e compagni sono infatti attesi dalla finale della Coppa Italia contro il Milan, una loro eventuale vittoria sarebbe la ciliegina sulla torta di una stagione partita malissimo, ma finita trionfalmente grazie al goal del forte giocatore belga della Roma. Nelle altre partite della giornata spicca la debacle del Milan, "letteralmente umiliata" da un Verona ultima in classifica, con questa sconfitta il rinnovo di Brocchi si fa molto più lontano.

© Riproduzione Riservata.