BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

CRISTIANI PERSEGUITATI/ 200milioni di uomini e donne ci scuotono dal silenzio della vergogna

La fontana di Trevi illuminata di rossoLa fontana di Trevi illuminata di rosso

 I suoi amici, 150, sono stati massacrati a Garissa il 2 aprile dell'anno scorso, nella loro università, scelti uno ad uno perché cristiani. Monsignor Antoine Audo è da oltre vent'anni vescovo di Aleppo, la capitale cristiana in Siria. Aveva 200mila fedeli nel suo popolo, sono rimasti meno di 40mila. Maddalena Santoro è la sorella di don Andrea, ucciso sull'altare della sua Chiesa a Trebisonda, in Turchia, sei anni fa. 

"Aiuto alla Chiesa che soffre" è una Fondazione di diritto pontificio. Tutti gli anni edita un rapporto sconvolgente, che purtroppo non raggiunge le librerie in vetrina, i banchi delle scuole di ogni ordine e grado, il primo posto sui tavoli delle redazioni giornalistiche. E' il rapporto sulla libertà religiosa nel mondo. Riguarda noi. Come l'iniziativa romana ideata, certo non un'occasione di svago in un venerdì sera di piena primavera: non piace pensare al male, il rosso su un monumento simbolo della capitale shocca, turba, rischia di rovinare i pensieri. Pro-vocazione, appunto. 

Mi torna in mente quell'inizio di don Luigi Giussani: "durante l'intervallo, su uno dei pianerottoli delle scale del liceo, si riuniva un gruppo di ragazzi, che parlavano fra loro molto affiatati e infervorati ogni giorno sempre gli stessi. La loro costante amicizia mi aveva positivamente impressionato. Avevo allora chiesto chi fossero e mi era stato risposto: 'I comunisti'. La cosa mi aveva colpito. Mi domandavo: 'Ma come mai i cristiani non sono almeno altrettanto capaci di quell'unità che Cristo indica come la più immediata e visibile fra le caratteristiche di chi crede in Lui?'".

Come mai, allora come oggi? Per questo non è strano concludere con una preghiera, tutti insieme: la scrisse in tempi lontani papa Pio XII. Allora i cristiani erano passati nei campi di sterminio, erano reclusi nei gulag e nei campi di lavoro. Oggi vengono appesi alle croci, fustigati e rinchiusi in topaie e dimenticati, come Asia Bibi. "Che la nostra fraterna solidarietà faccia sentir Coloro che non sono soli".

-
Martiri cristiani. Fontana di Trevi, Roma, venerdì 29 aprile ore 20.00. Conduce Monica Mondo

© Riproduzione Riservata.