BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

Ultime notizie / Oggi, ultim’ora: utero in affitto in Ucraina, assolti due coniugi di Napoli. De Luca, chiesto rinvio a giudizio (5 aprile 2016)

Ultime notizie di oggi, le ultim'ora del 5 aprile 2016: Renzi alla direzione PD per il caso petroli. Cuperlo: sei un capo arrogante. Renzi: se la procura ha qualcosa da chiedermi lo faccia.

Le ultime notizie di oggi (InfoPhoto)Le ultime notizie di oggi (InfoPhoto)

Sentenza a suo modo improntate sul caso dell’utero in affitto che dopo qualche settimana dalla legge Cirinnà sulle Unioni civili era andato nel dimenticatoio delle cronache italiane. Oggi invece la notizia dalla Consulta, con la conferma di assoluzione per una coppia di coniugi di Napoli che avevano praticato l’utero in affitto in Ucraina. Secondo la Cassazione, è possibile usare questo metodo in un Paese dove è consentito: la Consulta ha dunque concesso la possibilità di avere un figlio con la maternità surrogata, nello specifico del caso ucraino, tramite una donna che aveva acconsentito a farsi impiantare gli spermatozoi dell’uomo insieme agli ovuli di una donatrice. In Ucraina la pratica è consentita si prevede che, dopo il parto, la madre surrogata dia il consenso a che il neonato possa essere dichiarato con conferma dell’anagrafe come figlio naturale della coppia “appaltante”. Respinto il ricorso della Procura di Napoli che voleva condannare i due coniugi per violazione della Legge 40 sulla fecondazione assistita.

-Chiesto il rinvio a giudizio per il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca. La richiesta arriva dalla procura di Salerno, il politico risulta indagato insieme ad altre 26 persone in una inchiesta sulla variante urbanistica del valore di otto milioni di euro nella città di Salerno. Il reato contestato è quello di falso in atto pubblico. La variante venne fatta per un problema alla falda acquifera di piazza della Libertà, ma la procura sostiene che a pagare furono i contribuenti e non i responsabili dell'errore.

La Cina ha censurato da ogni motore di ricerca le parole Panama Papers. Lo scandalo dei fondi illeciti nei paradisi fiscali sembra allargarsi a macchia d'olio e colpire un po' tutti i grandi del mondo. Il caso più acclarato al momento sembra essere quello del padre del premier inglese Cameron, ma anche a Mosca non si scherza, dove molti appartenenti alla cerchia più vicina al presidente Putin appaiono coinvolti. Secondo i numeri disponibili, sarebbero più di 500 le banche che hanno registrato almeno 15.600 società fantasma tramite lo studio legale panamense Mossack Fonseca, permettendo di nascondere soldi. Secondo alcune banche come Credit Suisse si tratterebbe di documentazione risalente agli anni 90, prima che una riforma economica cambiasse la possibilità di trasferire fondi illeciti. Intanto tra i potenti coinvolti risultano anche collaboratori di Marine Le Pen del Fronte nazionale. 

Il ministro Maria Elena Boschi è stata sentita ieri dai magistrati "come persona informata dai fatti" relativamente allo scandalo petrolio che ha coinvolto costringendola alle dimissioni il ministro Guidi. Sempre ieri il premier e segretario del Pd ha tuonato contro i magistrati di Potenza che hanno aperto l'inchiesta, definendoli capaci di aprire indagini "con la cadenza delle Olimpiadi e non portarle mai a termine". Si è anche detto disponibile a farsi sentire dai magistrati i quali però hanno risposto che non è nei loro programmi.

Matteo Renzi interviene nella direzione del suo partito, parlando del caso ed afferma: "se la Procura di Potenza ha qualcosa da chiedermi lo faccia". Accusa la magistratura di fare indagini con la "cadenza delle olimpiadi", senza mai arrivare alla sentenza. Il premier chiede ai magistrati di arrivare alla fine, di svolgere e concludere i processi. L'apertura della direzione del Partito Democratico si è subito aperta sul tema caldo. Poi affronta il referendum, dicendo che dovrebbe non andare a votare come previsto dalla Costituzione, ma spera che vinca il no o che non si raggiunga il quorum. Cuperlo duella con Renzi sulle posizioni politiche, definendolo un "capo arrogante". 

I magistrati di Potenza hanno interrogato Maria Elena Boschi, nel suo ufficio da ministro per le Riforme Costituzionali, sulla vicenda del petrolio della Basilicata, sul progetto di Tempa Rossa e sul suo coinvolgimento. Un colloquio che è durato 2 ore e che ha visto il ministro in veste di persona informata sui fatti.  L'opposizione preme l'acceleratore e presenta due mozioni di sfiducia. Il Movimento 5 Stelle sostiene che il caso "trivelopoli" sia solo all'inizio. Da Forza Italia arrivano altre accuse al governo, che definisce il conflitto di interesse come malattia mortale dell'esecutivo guidato da Renzi.    

Il governo panamense si è detto disponibile alla collaborazione sui documenti di Panama. Al vaglio dodici milioni di documenti che fanno a capo a migliaia di aziende, ma soprattutto a capi di stato e di governo, atleti ed artisti miliardari, imprenditori e manager. Da Cameron a Putin, da Messi a Montezemolo. Proprio gli italiani, che ammontano a 800, tra cui spicca proprio il presidente di Alitalia. Già avviata l'indagine del fisco. Infatti, oltre alle iniziative annunciate da Spagna, Francia, Svizzera, Olanda, Israele, Ucraina, Russa e Islanda, anche l'Agenzia delle Entrate italiana ha chiesto di visionare i documenti.

Le famiglie italiane dopo otto anni, dal 2007, tornano a veder crescere il loro potere di acquisto, in un sistema che sta nascondendo la deflazione. L'Istat dice cha la crescita è dello 0,8% riferito al reddito reale tenuto conto dell'inflazione, ma nell'ultimo mese c'è una flessione dello 0,1% dovuto al denaro confluito nel decreto salva banche.  Resta però lo spiraglio per l'economia, perché vi è un potenziale di acquisto di beni e servizi con segno positivo. Intanto, sono in Emilia-Romagna, ci sono 108.200 famiglie in condizioni di disagio abitativo, legato agli affitti, dato che in parte contraddice il presunto miglioramento delle condizioni economiche fotografato dall'Istat.

Dopo l'espulsione dalla Grecia, i primi migranti in uscita dall'Europa unita sono arrivati in Turchia. Oggi è iniziato il piano do respingimento degli immigrati irregolari, per limitare l'ingresso nell'UE. Questo provvedimento è stato duramente contestato dagli attivisti per i diritti umani. Il portavoce della Commissione Europea, Margaritis Schinas, ha dichiarato a riguardo: "L’obiettivo dell’accordo è quello di sostituire i flussi disordinati, disorganizzati e illegali con percorsi legali e coerenti con le norme Ue e internazionali". Circa 200 le persone già espulse, partite dall'isola di Lesbo e da Chio.ULTIME NOTIZIE DI OGGI, MARTEDÌ 05 APRILE 2016 (ULTIM’ORA).

Fausta Bonino, l'infermiera accusata di aver ucciso 13 pazienti all'ospedale di Piombino è stata interrogata, nel carcere di Pisa, dai giudici, ai quali ha detto di non aver fatto nulla, giurando sui figli.  L'avvocato della donna ha poi dichiarato che l'assassino è a piede libero ed indisturbato, asserendo che le accuse sono state "costruite addosso all'infermiera". Accorata la difesa dell'accusata, che ha anche dichiarato: "Sono innocente, lo giuro sui miei due figli". Intanto il suo legale definisce anche inquietante l'ipotesi che il vero assassino sia ancora a piede libero e si dichiara sicura dell'innocenza della propria assistita. 

I matrimoni da favola, che si svolgono in musei e siti archeologici sono sempre più di moda. Mentre gli esperti discutono sulla bontà di questo tipo di attività, pensando alla tutela del patrimonio, i templi di Paestum si aprono agli sposi, pensando a possibilità di ricavo interessanti, che permetteranno di pagare borse di studio ai ricercatori. Da Paestum assicurano che ci saranno solo matrimoni super selezionati, ovviamente solo per determinate persone ed in certe date, ma le prime polemiche sembrano non placarsi. All'ANSA il trentasettenne direttore ha rassicurato l'opinione pubblica, dicendo che "tutela e fruizione sono e rimangono la priorità".   

© Riproduzione Riservata.