BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTA RITA DA CASCIA / 22 maggio, il santo del giorno: l’eredità spirituale della mistica devota a Gesù Salvatore

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

(InfoPhoto)  (InfoPhoto)

SANTA RITA DA CASCIA, SANTO DEL GIORNO: L’EREDITÀ SPIRITUALE DELLA MISTICA UMBRA - Una santa, una mistica e una donna: Santa Rita da Cascia è tutto questo e oggi si festeggia l’onomastico di tutte le Rita del mondo. La santa umbra devota a Gesù Salvatore è da sempre immortalata nei dipinti o nelle stature con la spina in mano, come ad esempio è iconizzata con l’effigie dipinta sul suo sarcofago: un maestro che chiede attenzione, una santa che da tradizione cattolica conosce la scienza dell’imitazione di Gesù e la trasmette ai suoi devoti. L’eredità spirituale di Santa Rita da Cascia è importante e rende moltissimi devoti alla sua figura come tramite per il Signore: è la sua azione di riappacificazione - e la sua vita ne è un esempio unico con tutte le fatiche che ha dovuto sopportare - tra la sua famiglia e le altre coinvolte che ha reso nella storia dei santi, Rita da Cascia la santa per eccellenza dell’implorazione della pace famigliare e di quella sociale. La sua devozione al Cristo Salvatore è l’epicentro di questa riappacificazione: senza quello, non la pace è del tutto “vuota”.

SANTA RITA DA CASCIA, SANTO DEL GIORNO: IL 22 MAGGIO SI CELEBRA SANTA RITA DA CASCIA - Il 22 maggio ricade una delle ricorrenze più care ad un corposo numero di persone: è il giorno di santa Rita. Si tratta di una delle sante più care ai cattolici, nota anche come l'Avvocata dei casi impossibili. Da sempre associata alle donne più semplici anche per via della sua vita modesta: donna che è stata prima sposa e madre e successivamente monaca agostiniana. Nata sul finire del 1300 a Roccaporena, un piccolo paese nel comune di Perugia. La sua vita è stata piena di segni santi e che la rendono ancora oggi venerata da tantissime persone. Celebre è un episodio che risale a quando santa Rita era ancora in fasce: mentre era all'aperto, il cesto in cui si trovava fu circondata da uno sciame di api che non la pungevano però. Si trovò a passare un contadino che era alla ricerca di rimedi per una sanguinosa ferita che si era procurato e appena vide le api provò a scacciarle ma nell'agitare le mani notò che la ferità si chiuse subito. A soli 13 anni fu promessa sposa di un uomo brutale ma che col tempo è stata in grado di rendere più docile. La vita di santa Rita è caratterizzata anche da enorme dolore per via della perdita del marito, ucciso, e successivamente anche dei due figli da lui avuti. Provò per ben tre volte a diventare monaca ma fu respinta in quanto vedova di uomo ucciso, salvo poi essere accolta grazie ai suoi innumerevoli prodigi. A lei vengono associati due prodigi particolari: quello delle spine e quello della rosa. Quello delle spine è legato alla sua preghiera a Gesù di poter condividere il dolore provato prima della morte: una spina la trafisse e le fece provare il dolore di Gesù. Mentre, poco tempo prima della sua morte, santa Rita chiese ad una parente di portarle una rosa nonostante fuori ci fosse la neve che avesse coperto tutto. Il prodigio è particolare perché la parente appena entrò nell'orto che santa Rita frequentava non potè non notare le rose sbocciate. 

SANTA RITA DA CASCIA SANTO DEL GIORNO: L'AVVOCATA DEI CASI IMPOSSIBILI - Viene ancora oggi chiamata l'Avvocata dei casi impossibili perché la sua vita è stata piena di dolore che lei ha saputo sopportare e che l'ha resa una donna piena dell'amore di Dio. Proprio questo le ha permesso di vivere i suoi prodigi e di testimoniare quanto potesse essere bello anche soffrire insieme con Gesù, come nel caso delle spine. A lei si affidano sempre più malati terminali o anche persone che hanno evitato grossi pericoli, come incidenti stradali, patologie e molto altro ancora. 

SANTA RITA DA CASCIA SANTO DEL GIORNO: FESTE A LEI DEDICATE - Quando si parla di santa Rita non si può non pensare a Cascia, paesino a pochi passi dal luogo natale. Qui nel giorno dedicato a santa Rita c'è la festa che attira tantissime persone anche delle zone limitrofe. Caratteristica è la processione, simbolo della venerazione nei confronti della santa che si tiene proprio il 22 maggio. Inoltre, sempre nel paesino umbro, si tiene il suggestivo corteo delle fiaccole che crea un panorama davvero molto emozionante, fino ad arrivare al corteo storico con una rivisitazione degli abiti tipici del periodo della santa. Proprio Cascia è la città all'interno del quale c'è il maggior culto della santa, con una basilica a lei dedicata e la possibilità di visitare i posti che hanno caratterizzato le diverse fasi della sua vita, fino ad arrivare alla morte. Nel giorno di Santa Rita sono tantissimi gli eventi che in ogni parte d'Italia vengono tenuti in onore del culto dell'Avvocata dei casi impossibili. 

I SANTI DEL 22 MAGGIO - Il 22 maggio si celebrano anche Santa Giulia, la Santissima Trinità, Sant'Attone, Sant'Aureliano, San Basilisco, San Bovo di Voghera, Santi Casto ed Emilio, San Domenico Ngon, Santa Elena da Auxerre, San Fulgenzio, San Lupicino di Verona, Santa Quiteria, San Romano, Santa Umità, San Viano, San Zota.



© Riproduzione Riservata.