BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LUCIANA BIGGI / Uccisa a Genova nel 2006, vittima senza giustizia di Luca Delfino (Il terzo indizio, 24 maggio 2016)

Luciana Biggi: a Il Terzo indizio su Rete 4 si parla della 36enne uccisa da Luca Delfino, in seguito killer di Antonella Multari. Ecco le tappe che hanno portato all'omicidio 10 anni fa.

Luca Delfino Luca Delfino

Nella trasmissione di Rete 4 Il terzo indizio condotta da Alessandra Viero, questa sera si parlerà di Luciana Biggi, la donna di 36 anni che nel 2006 è stata uccisa nel centro storico di Genova da Luca Delfino. Una verità, questa, riconosciuta ormai da più parti, ma non dalla giustizia, se è vero che Delfino è stato assolto in base all'articolo 530 dell'ordinamento, secondo comma, poiché a detta della Corte d’Assise di Genova allora presieduta da Anna Ivaldi, non ha commesso il fatto. Eppure tutti sapevano e tutti sanno che ad aver ucciso la Biggi era stato proprio Delfino, il ragazzo descritto dalle sue ex come "protettivo e rassicurante", pronto però a trasformarsi in un partner irascibile e violento alla prima occasione. Ad "incastrare" Delfino le immagini delle telecamere che fra il 27 e il 28 aprile del 2006 inquadrano Luca e Luciana per strada insieme, intenti a litigare. Pochi minuti più tardi Luciana viene sentita urlare: verrà ritrovata in vico San Bernardo nel centro storico, riversa in una pozza di sangue, con la gola squarciata da alcuni cocci di vetro. Delfino, rientrato a casa, come riporta "Io Donna" chiederà alla matrigna di lavargli le scarpe poiché "sporche di vino". Indizi che evidentemente non bastano ad incriminarlo e neanche ad evitare che l'uomo un anno dopo uccida un'altra fidanzata, quella Antonella Multari per cui, almeno, sta scontando una condanna a 16 anni e 8 mesi di reclusione. Storie che fa male ascoltare, ma fa bene ricordare.

© Riproduzione Riservata.