BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALEXANDER BOETTCHER / News, coppia dell'acido: "inadatti al ruolo di genitori", il bambino potrebbe essere adottato? (Oggi, 25 maggio 2016)

Pubblicazione:mercoledì 25 maggio 2016 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 25 maggio 2016, 18.54

Alexander Boettcher Alexander Boettcher

ALEXANDER BOETTCHER NEWS COPPIA DELL’ACIDO: DOPO LA DECISIONE DEI PERITI, QUALI SARANNO I PASSI SUCCESSIVI E QUALE IL DESTINO DEL PICCOLO? (ULTIME NOTIZIE, OGGI 25 MAGGIO 2016) - L'attenzione è tornata a concentrarsi nelle ultime ore sulla coppia dell'acido formata da Alexander Boettcher e dall'ex amante Martina Levato, in carcere per una serie di gravissime aggressioni. I periti chiamati dal Tribunale dei Minori di Milano avrebbero definito i due giovani condannati in Appello "inadatti al ruolo di genitori" e la medesima incapacità accuditiva, secondo alcune indiscrezioni riguarderebbe anche i nonni del bambino nato la scorsa estate. Secondo quanto emerso da un servizio di Sky Tg24, entro il prossimo 7 giugno i consulenti di parte dei due imputati e dei nonni del piccolo potranno preparare le loro osservazioni critiche nei confronti del lavoro finora compiuto dai due periti nominati dai giudici ed entro la settimana successiva le varie relazioni dovranno essere depositate. Il passo successivo sarà l'udienza che verrà fissata davanti ai giudici minorili chiamati a decidere sul destino del bambino nato dalla coppia dell'acido e affidato temporaneamente presso una casa famiglia già dopo la sua nascita. Al termine del procedimento potrebbero anche ritenere possibile l'adottabilità del bambino di Alexander Boettcher e Martina Levato, affidandolo così ad una famiglia terza in attesa dell'adozione. Le parti potranno comunque ricorrere in Appello qualunque sia la decisione del giudice.

ALEXANDER BOETTCHER NEWS, COPPIA DELL’ACIDO: NON SOLO ALEX E MARTINA LEVATO MA ANCHE I NONNI SAREBBERO PRIVI DELLA CAPACITÀ ACCUDITIVA? (ULTIME NOTIZIE, OGGI 25 MAGGIO 2016) - La coppia dell'acido formata dal broker Alexander Boettcher e dall'ex bocconiana Martina Levato, sarebbe stata definita inadatta al ruolo di genitori. E' quanto emerso dalla relazione dei periti chiamati dal Tribunale di Milano a valutare la possibilità che i due giovani, condannati in appello ed attualmente in carcere per le varie aggressioni, possano accudire il loro bambino nato la scorsa estate. La coppia dell'acido, secondo la neuropsichiatra e la psichiatra chiamate a realizzare la perizia su Boettcher e Levato, come riporta un servizio di Sky Tg24, dimostra di non avere alcuna capacità genitoriale. A pesare nell'analisi complessiva ci sarebbero i numerosi e gravissimi atti criminali commessi dai due ormai ex amanti così come le loro "devianze sessuali". Secondo indiscrezioni le quali tuttavia non troverebbero ancora la conferma ufficiale, inoltre, anche i nonni del piccolo sarebbero stati valutati "privi della necessaria capacità accuditiva".

ALEXANDER BOETTCHER, NEWS COPPIA DELL'ACIDO: I PERITI, "INADATTI A FARE I GENITORI". ORA LA PAROLA PASSA AI CONSULENTI DI PARTE (OGGI, 25 MAGGIO 2016) - Potrebbe esserci uno scontro di perizie nel caso di Martina Levato ed Alexander Boettcher. I due ex amanti, la cosiddetta 'coppia dell'acido', sono stati condannati lei a 28 anni di reclusione e lui a 37 anni per le aggressioni commesse. I due hanno avuto un figlio e sono stati sottoposti a perizia per valutare se siano in grado di fare i genitori. L'esito della perizia ha stabilito che sono "inadatti". Adesso però i consulenti di parte hanno tempo per controbattere. Entro il 7 giugno infatti i consulenti di parte di Martina Levato ed Alexander Boettcher e dei loro genitori, nonni del bambino, come riporta l'Ansa, "potranno preparare le loro osservazioni critiche sul lavoro degli esperti nominati dai giudici e poi entro il 14 giugno tutte le relazioni e gli atti saranno depositati alle parti". Per quanto riguarda il bambino, che ora ha nove mesi ed è affidato temporaneamente alla 'casa famiglia' dallo scorso agosto, i giudici del Tribunale dei minori dovranno decidere se dichiararlo adottabile. Anche in merito a questa decisione la 'coppia dell'acido' Martina Levato ed Alexander Boettcher potrà fare appello.

ALEXANDER BOETTCHER, NEWS COPPIA DELL'ACIDO: CONSEGNATA PERIZIA DEGLI ESPERTI. NON POTRANNO CRESCERE IL FIGLIO (OGGI, 25 MAGGIO 2016) - Dopo la condanna della coppia dell'acido, un'altra batosta ha colpito Martina Levato ed Alexander Boettcher. I due ex amanti sono stati valutati dalla psichiatra Simona Taccani e dalla neuropsichiatra Cecilia Ragaini in qualità di periti incaricati dal Tribunale per i minori di Milano. Le esperte erano state chiamate per esprimersi in merito al futuro che attende al figlio di nove mesi della coppia su cui l'Italia si è divisa sia prima che dopo la nascita. Questa volta però non si tratta di ipotesi e confronti, ma di una perizia che nero su bianco decreta l'incapacità genitoriale di Martina Levato ed Alexander Boettcher. Secondo indiscreazioni riportate da Il Fatto Quotidiano, i due periti avrebbero detto la loro anche sui nonni, in quanto dalle analisi è emerso che non hanno "la capacità accuditiva". L'incarico era stato assegnato lo scorso 9 novembre ed era stata richiesta una consulenza tecnica d'ufficio per stabilire se i profili psico-diagnostici di Boettcher e della Levato potessero far pensare alla loro capacità di crescere eventualmente il figlio. Fino ad ora il bambino si trova in una casa famiglia che ne ha l'affido temporaneo e già prima della sua nascita erano in molti quelli che ritenevano la coppia inadatta proprio per i reati commessi e delle pene inflitte in sede processuale. Martina Levato infatti è stata condannata a 28 anni di reclusione, mentre Alexander Boettcher a 37 anni di carcere, pene che tenevano in considerazione le due aggressioni. La coppia ha comunque la possibilità di depositare eventuali critiche alle analisi degli esperti, ma solo entro il 14 giugno. Da quella data in poi infatti, la documentazione passerà agli atti ed il Tribunale dei minori dovrà fissare un'altra udienza con cui stabilire se il bambino potrà essere adottato o meno da un'altra famiglia, estranea a quella d'origine. 



© Riproduzione Riservata.