BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SUICIDIO/ Ragazzo omosessuale si getta sotto al treno: coming out non approvato dai genitori

Un ragazzo di 18 anni si è gettato sotto a un treno nei pressi di Bari suicidandosi, sembra che i genitori non avessero approvato il suo essersi dichiarato omosessuale

Immagine di archivioImmagine di archivio

Si è gettato sotto a un Frecciabianca diretto alla stazione di Bari intorno alla mezzanotte dello scorso 3 maggio. E' un ragazzo di 18 anni che aveva confessato ai genitori di essere omosessuale e di avere una relazione con un altro giovane. Secondo le prime ricostruzioni del caso i genitori, adottivi, non avrebbero approvato tale scelta e in famiglia la situazione era tutt'altro che serena tanto che il ragazzo aveva minacciato il suicidio diverse volte. Si era rivolto anche ai servizi sociali e ai carabinieri per denunciare maltrattamenti, mentre alcuni dicono che fosse vittima di bullismo a scuola. La Gazzetta del Mezzogiorno scrive che il giovane avrebbe detto ai suoi amici che i genitori gli avevano detto di essersi pentiti di averlo preso all'orfanotrofio dopo aver saputo che era gay. Al momento i due sostengono che il figlio adottivo sarebbe stato vittima di un incidente e non volesse suicidarsi.

© Riproduzione Riservata.