BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SAN CIRILLO/ Santo del giorno, il 27 giugno si celebra san Cirillo

San Cirillo, è il santo che viene celebrato nella giornata di oggi, lunedì 27 giugno, dalla chiesa cattolica. Nasce a Teodosia nel 370, fu il quindicesimo Papa della Chiesa, la sua storia

(InfoPhoto)(InfoPhoto)

Il 27 giugno 2016 è una data molto importante per la città di Carpino, infatti in questa data il comune si appresta a festeggiare san Cirillo di Alessandria. San Cirillo di Alessandria nasce a Teodosia nel 370, è stato considerato un ottimo vescovo e teologo greco antico, ed è stato eletto quindicesimo Papa della Chiesa copta (massima carica raggiungibile nel Patriarcato di Alessandria d'Egitto), dal 412 fino alla sua morte avvenuta nel 444. Come teologo, fu coinvolto nelle dispute cristologiche che infiammarono la sua epoca. Durante la sua vita, si oppose in maniera netta a Nestorio, patriarca di Costantinopoli fino al 431, e proprio per contrastare le iniziative di quest'ultimo, diede vita ad una teoria riguardante l'incarnazione, considerata valida ancora ai giorni nostri, dai teologi cristiani contemporanei. Questa teoria, difendeva l'attribuzione di 'Madre di Dio' a Maria. Alla morte dello zio Teofilo nel 412, prese il suo posto, dando seguito alle iniziative del suo predecessore, permettendo il consolidamento e il successivo aumento di ruolo della Chiesa di Alessandria d'Egitto. Per lo storico Socrate Scolastico, invece, acquistò molto più potere rispetto allo zio ed il suo episcopato 'superò i limiti delle sue funzioni sacerdotali'. A tal proposito, san Cirillo, intraprese azioni molto forti a difesa dell'ortodossia, infatti arrivò ad espellere gli ebrei dalla città, perseguitò i novaziani, facendogli chiudere tutte le chiese, e i pagani, sino quasi ad annientarne la presenza in città. Fu proclamato Santo, dalla Chiesa copta e dalla Chiesa cattolica il 28 luglio 1882. 

Come detto in precedenza, san Cirilloè considerato il Santo Patrono del comune di Carpino, comune italiano con meno di 5000 abitanti, facente parte della regione Puglia, precisamente in provincia di Foggia. Distante dal capoluogo di regione circa 80 chilometri, fa parte del Parco nazionale del Gargano e della Comunità montana del Gargano. Situato a circa 143 metri sul livello del mare, il suo territorio è prevalentemente collinare, la cui area è caratterizzata dalla presenza di moltissimi uliveti. Nella centralissima piazza del paese, sorge la chiesa intitolata al Santo, purtroppo però non si conoscono la data di erezione, ed il nome di colui che ne ha deciso la costruzione. Il patronato di San Cirillo d'Alessandria ha una storia secolare, ed infatti è testimoniato dalla sua presenza nello stemma comunale, in cui viene ritratto in abiti vescovili, con le braccia rivolte verso l'alto intente a brandire due rami di ulivo, al di sopra di un prato verde illuminato dal sole. 

Nel giorno dedicato alla festa patronale, al termine della solenne Santa Messa, avrà luogo la processione della statua raffigurante il Santo, lungo le vie carpinesi, 'accompagnata' da un piccolo spettacolo pirotecnico. Durante la 'sfilata' della processione, gli abitanti di Carpino, lanceranno dai balconi delle loro abitazioni delle ginestre, in onore del loro Santo Patrono. Il fiore della ginestra, viene scelto perchè caratterizzato da una forma che ricorda il 'cappello disan Cirillo'. Lungo il suo percorso, la processione verrà animata dalle preghiere dei fedeli e dai brani musicali eseguiti dalla banda, per poi concludersi con la spettacolare, quanto attesa, accensione della batteria a terra, preparata appositamente dinanzi la chiesa intitolata al Santo Patrono. 

Il 27 giugno, oltre ad essere il giorno in cui si festeggia san Cirillo d'Alessandria, è una data in cui verranno venerati il diacono e martire 'Sant'Arialdo di Milano', il recluso 'San Giovanni di Chinon', la terziaria francescana 'Beata Margherita Bays', la fondatrice 'Beata Luisa Teresa de Montaignac de Chauvance', il sacerdote 'San Sansone', ed infine i martiri 'Santa Guddene', 'San Tommaso Toan' e 'San Zoilo di Cordova'.

© Riproduzione Riservata.