BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Saldi Estivi 2016 / Date inizio e previsioni: Federmoda-Confcommercio, "Propensione moderata all'acquisto" (ultime notizie oggi, 27 giugno)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagini di repertorio (Infophoto)  Immagini di repertorio (Infophoto)

SALDI ESTIVI 2016, INIZIANO IL 2 LUGLIO: PROPENSIONE MODERATA ALL'ACQUISTO (ULTIME NOTIZIE OGGI, 27 GIUGNO) - Nella provincia di Arezzo saranno circa 700 i negozi interessati dai saldi estivi 2016, che si apriranno ufficialmente sabato 2 luglio. L'arrivo del caldo ha riportato il buonumore secondo il presidente provinciale di Federmoda-Confcommercio, che ha registrato una piccola ripresa delle vendite, ma non mancano le criticità, perché bisognerà recuperare quanto perso durante la "tradizionale" stagione: «Arriviamo all'appuntamento con i saldi dopo una primavera da dimenticare e non ci aspettiamo risultati eclatanti perché la propensione all'acquisto delle famiglie è ancora piuttosto moderata. Sarà già un successo mantenere lo scontrino medio intorno alle 120 euro a persona, come nell'estate 2015», ha dichiarato Paolo Mantovani, come riportato da arezzoweb.it. C'è comunque fiducia nei propri prodotti: «Le collezioni primavera-estate hanno cercato di proporre stili e tendenze per tutti i gusti, in modo da intercettare l’interesse del pubblico».

SALDI ESTIVI 2016, INIZIANO IL 2 LUGLIO: MA QUANDO FINISCONO GLI SCONTI? (ULTIME NOTIZIE OGGI, 27 GIUGNO) - Per i saldi che stanno per partire dalla prossima settimana, l’attesa va detto è davvero tanta: i saldi estivi ogni anno fanno registrare un’impennata di acquisti e con l’economia in stallo come la nostra inutile dire che di bisogno ce n’è a iosa! Ma se quest’anno sappiamo più o meno che a livello nazionale il periodo degli sconti parte il 2 luglio 2016, quando effettivamente finiranno? Sia nelle grande città che in provincia, con outlet e centri commerciali, le serrande sul periodo d’oro dei saldi dovrebbero essere abbassate attorno a ferragosto: i saldi estivi dureranno 6 settimane e quindi termineranno sostanzialmente il 15 di agosto. Ecco il regolamento stilato da Confcommercio appositamente sul periodo dei saldi e degli sconti esclusivi: «Vige il divieto di effettuare Vendite Promozionali nei 30 giorni precedenti la data di inizio saldi sopra indicata pena sanzioni da 1500 € in su. Federazione Moda Italia Roma, come ogni anno, è a disposizione per ricevere eventuali segnalazioni (denominazione azienda / Indirizzo / caratteristiche oggettive della violazione) nel caso di imprese che non rispettino la normativa vigente sopra citata».

SALDI ESTIVI 2016, INIZIANO IL 2 LUGLIO: IL GIUDIZIO DELLA FEDERAZIONE MODA ITALIANA (ULTIME NOTIZIE OGGI, 27 GIUGNO) - In attesa della grande partenza per i saldi estivi 2016, dal 2 luglio in tutta Italia scatta la grande stagione degli sconti, ha espresso il suo giudizio rispetto ai saldi di quest’anno, il presidente di Federazione Moda Italia, dichiarandosi soddisfatto per i risultati raggiunti come aver portato all’unificazione in tutta Italia della data d’inizio. «La stagione ed i consumi vanno a rilento anche a causa del clima e i saldi saranno vantaggiosi per i consumatori che potranno acquistare una gran varietà di abiti, scarpe e costumi da bagno a pressi bassi», sono le parole di Renato Borghi, rilasciate ai colleghi di Salerno Today. Secondo il presidente nazionale, qualche motivi per essere speranzosi esiste per questo 2016: «si è visto un segno positivo che, dopo anni di segno meno, è già molto, ma non bisogna pensare tuttavia che i saldi possano aiutare il settore, in quanto non possono dare una potenzialità di crescita consolidata». I commercianti dicono che per questo 2016 il settore più inc risi rimane quello delle calzature, mentre «le vendite degli accessori vanno molto bene. Mai disperare, lo shopping estivo può essere un attratto per i turisti stranieri, affiancati dai famosi saldi estivi italiani».

SALDI ESTIVI 2016, INIZIANO IL 2 LUGLIO: CODACONS, “È ANCORA CRISI” (ULTIME NOTIZIE OGGI, 27 GIUGNO) - Ma quando partono questi saldi estivi 2016? In tanti se lo chiedono e la febbre da shopping sta prendendo “vagonate” di borsette femminili, pronte per essere aperte e armate di carta di credito. Sabato 2 luglio sembra essere il vero inizio in alcune parti d’Italia per la grande stagione dei saldi estivi: a Torino, ma anche a Milano e in larga parte d’Italia scattano circa due mesi di grandi sconti, ad esempio nella città della Mole i saldi esclusivi dureranno fino al 27 agosto, un altro sabato. Grande aspettative per i negozi e le grandi firme, anche se l’ottimismo viene smorzato dal Codacons che considera ancora l’Italia in piena crisi d’acquisto: «Presso i consumatori si registra cauto ottimismo e una stabilità nella propensione alla spesa durante i saldi rispetto allo scorso anno. Non ci sarà alcuna impennata delle vendite né corsa all’acquisto, e la spesa media degli italiani sarà in linea con quella del 2015, con uno scontrino medio che si attesterà attorno ai 67 euro procapite», afferma il presidente Carlo Rienzi. Non in tutta Italia ci sarà però la stessa carica “di crisi”, come afferma lo stesso Rienzi: «Il commercio nelle regioni del sud Italia continuerà a soffrire anche durante i saldi, a differenza del centro e soprattutto del nord Italia, dove le vendite avranno un andamento migliore».

SALDI ESTIVI, INIZIANO IL 2 LUGLIO: LE PAROLE DEL PRESIDENTE DI CONFESERCENTI (ULTIME NOTIZIE, OGGI 27 GIUGNO 2016) - Da 2 sabato 2 luglio 2016, per i successivi sessanta giorni, in Emilia Romagna e in altre regioni d’Italia iniziano i saldi estivi, che permetteranno di acquistare i prodotti delle ultime collezioni a prezzi scontati. “È come sempre una buona occasione per comprare prodotti di qualità a prezzi accessibili”, ha detto il presidente di Confesercenti E.R. Roberto Manzoni, come riportato su Ravenna Today. Manzoni però ha espresso qualche dubbio: “In qualità di presidente Fismo-Confesercenti esprimo tuttavia la mia perplessità circa il periodo d’inizio dei saldi e, comunque, mi auguro che, almeno in parte, contribuiscano a recuperare le perdite dovute al calo dei consumi, all’aumento delle tasse, ai costi di gestione e anche al ritardo dell’inizio della stagione estiva, provocato dal maltempo”. 

SALDI ESTIVI, INIZIANO IL 2 LUGLIO: IL DECALOGO PER I CONSUMATORI (ULTIME NOTIZIE, OGGI 27 GIUGNO 2016) - Il conto alla rovescia è ormai partito per i saldi estivi 2016. L’associazione dei consumatori ha per l’occasione stilato un decalogo con le regole per comprare in maniera sicura durante i saldi estivi, senza incappare cioè in fregature. Bisogna conservare sempre lo scontrino, perché i capi in svendita si possono cambiare se difettosi e, infatti, si hanno a disposizione due mesi di tempo per avvalersi di questo diritto. La merce esposta, inoltre, deve essere un avanzo di quella di stagione, non del magazzino. E’ allora importante girare tra i negozi per verificare gli sconti praticati, oltre che guardare sempre l’etichetta. Bisogna diffidare dagli sconti superiori al 50%, perché nascondono prezzi vecchi falsi o merce non proprio nuova, e controllare che sia chiarito il vecchio prezzo, quello nuovo e la percentuale dello sconto applicato. Diffidare dai capi d’abbigliamento che possono essere solo guardati e non provati.

SALDI ESTIVI, INIZIANO IL 2 LUGLIO: LE DATE E LE PREVISIONI (ULTIME NOTIZIE, OGGI 27 GIUGNO 2016) - Più che l’attesa affinché l’estate entri nel vivo cresce quella per i saldi: gli amanti dello shopping, infatti, presto potranno dividersi tra mare e negozi per approfittare delle occasioni tra i vari capi d’abbigliamento. Quella del 2016, però, non sarà una corsa all’acquisto secondo il Codacons, perché le vendite saranno stabili rispetto all’anno scorso: «Non ci sarà alcuna impennata delle vendite né corsa all'acquisto, e la spesa media degli italiani sarà in linea con quella del 2015, con uno scontrino medio che si attesterà attorno ai 67 euro procapite», ha spiegato il presidente Carlo Rienzi, secondo cui «il commercio nelle regioni del sud Italia continuerà a soffrire anche durante i saldi, a differenza del centro e soprattutto del nord Italia, dove le vendite avranno un andamento migliore». Il discorso però non vale per tutti i negozi: i piccoli negozi e delle periferie, infatti, vedranno una riduzione del giro d’affari rispetto ad outlet e centri commerciali.



© Riproduzione Riservata.